ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Mo: Salvini, 'chi attacca Israele attacca democrazia'**-Mo: Cirielli, 'cessi escalation violenza, Ue intervenga per favorire dialogo'-**Mo: Hamas, lanciati oltre 100 razzi da scadenza ultimatum**-Covid: Moratti, '475mila 50enni lombardi hanno aderito a campagna, incoraggiante'-Vaccino Covid, come comportarsi dopo le dosi?-**Cinema: Tom Cruise restituisce i tre Golden Globe per unirsi a protesta contro Hfpa**-**Calcio: Tna su Gasperini, 'irritualità atto deferimento, restituzione atti a Procura antidoping'**-**Tuffi: Europei, storico argento Italia del Team Event**-**Giustizia: M5S, con Cartabia incontro interlocutorio, ci sono criticità'**-**Cinema: la Nbc non trasmetterà i Golden Globe del 2022**-Governo: domani Consiglio ministri alle 11.15 su leggi regionali-Migranti: Amendola, 'a Consiglio Affari generali ribadita necessità iniziativa Ue'-Calcio: insulti a ispettori antidoping, sentenza Gasperini attesa domani-Calcio: Champions League, finale City-Chelsea verso il trasloco da Istanbul al Portogallo-Lirica: la Scala riapre dopo 199 giorni, Sala 'è come non l'abbiamo mai vista'-Partiti: sondaggio Swg-TgLa7, M5S in calo tutti gli altri in crescita, Lega sempre prima-Mo: Picierno, 'Ue e Italia si impegnino per ripresa dialogo'-Calcio: Maria Marotta, 'emozione al primo fischio poi ho arbitrato con determinazione'-Pallavolo: Lugli, 'indignazione del Coni per il mio caso si è fermata alla telefonata'-Giustizia: Perantoni, 'ottimista su riforma, presto calendario lavori commissione Camera'
attrezzature sportive

Covid-19: le attrezzature sportive sono pericolose?

Condividi questo articolo:

attrezzature sportive

Un gruppo di ricercatori ha studiato il rischio di trasmissione del Coronavirus dalla condivisione di attrezzature sportive

Un gruppo di ricercatori, guidato dalla Liverpool School of Tropical Medicine, ha studiato il rischio di trasmissione del Coronavirus dalla condivisione di attrezzature sportive, trovandolo inferiore a quanto si pensava.

Per lo studio sono state applicate particelle di virus vivi a nove tipi di attrezzature sportive e su un materiale di controllo.

Una dose bassa e una dose elevata di Coronavirus vivo sono state applicate a: un guanto da cricket, un pallone da calcio, una pallina da golf, un pezzo di schiuma da palestra, una sella da cavallo, palle da cricket rosse e bianche, una palla da rugby e una pallina da tennis, così come a un pezzo di acciaio inossidabile come materiale di controllo.

Ciascun elemento è stato testato dopo un minuto, cinque minuti, 15 minuti, 30 minuti e 90 minuti, per vedere se il virus vivo poteva essere trasferito dall’attrezzatura in momenti rilevanti per gli eventi sportivi.

Quando è stata applicata la dose bassa, il virus era recuperabile su 7 dei 10 articoli testati dopo un minuto, 1 dei 10 dopo cinque minuti (la sella del cavallo) e nessuno dei 10 dopo 15 minuti.

Quando è stata applicata la dose elevata, il virus era recuperabile su 9 dei 10 articoli dopo uno e cinque minuti (tutti tranne il guanto da cricket), 6 su 10 dopo 30 minuti e 2 su 10 dopo 90 minuti (il pallone da rugby e la sella di cavallo).

Insomma, è “improbabile” che i palloni sportivi e gli accessori siano una delle principali cause di trasmissione del virus: c’è un “rapido decadimento” delle particelle virali nei diversi tipi di attrezzi.

Ci sono molto più problemi con il contatto fisico tra i giocatori: secondo i ricercatori è molto più probabile favorire il contagio in questo modo.

Lo studio, che è in attesa di una revisione tra pari, è molto importante per tutte quelle strutture che sostengono l’attività sportiva e per le scuole, ma anche per l’ingegneria dei materiali – è stata dimostrata, infatti, una minore trasmissibilità nelle strutture assorbenti rispetto a quelle non porose e addirittura una differenza “evidente” tra le palle da cricket rosse e bianche che dovrebbe essere messa in conto dai produttori di attrezzature.

 

Questo articolo è stato letto 62 volte.

attrezzature sportive, coronavirus, COVID19, palestre, rischio di trasmissione

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net