ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Calcio: Pelè ricoverato di nuovo in ospedale per curare tumore al colon-Calcio: Spalletti, 'ora la maglia pesa di più, mantenere testa lucida'-Calcio: Spalletti, 'Osimhen? Siamo molto fiduciosi conoscendo il ragazzo'-Noury (Amnesty): "Zaki modello di difensore diritti"-Manovra: Spada (Assolombarda), 'fiducioso, tante volte le idee possono cambiare'-Scala: Spada (Assolombarda) 'Prima momento emozionante, ora speriamo in tante altre Prime'-Calcio: Udinese, Cioffi tecnico ad interim-F1: team tedesco Mercedes rinuncia a sponsorizzazione controversa-Scala: Bracco, 'è stata la Prima di tutto il Paese'-Castiglia (Art.101 Anm): "Subito riforma Csm, basta correnti"-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (3)-Giustizia: Castiglia (Anm), 'subito riforma Csm, magistratura non è indipendente da politica'/Adnkronos (5)-Migranti: Papa, 'davanti ai loro volti non possiamo girarci dall'altra parte'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi'-Papa: 'ideale santità non questione di immaginette, vivere ogni giorno umili e gioiosi' (2)-Pisa: aggredisce la ex e il suo nuovo compagno con schiaffi e pugni ma la donna non lo denuncia-Università, il nuovo campus della Lumsa di Palermo-Università: il nuovo campus Lumsa sede Palermo, riqualificazione area ex stazione Lolli (2)-Covid oggi Germania, 69.601 contagi e 527 morti-Festa dell'Immacolata, Papa chiede alla Madonna "il miracolo della cura"

Politica agricola comune: la riforma in cifre

Condividi questo articolo:

Il Parlamento europeo ha approvato il mandato negoziale della Politica agricola Comune. la riforma spiegata in cifre

La Politica agricola comune è una delle politiche fondamentali dell’Unione Europea, che si come obiettivi principali la definizione degli incentivi e dei sussidi  all’agricoltura, la tutela e la sicurezza dei prodotti alimentari e politiche di tutela e rispetto dell’ambiente rurale. Da ottobre 2011 si lavora per riformare il piano di azione comunitario in agricoltura: i diversi Stati dell’Unione Europea hanno sempre criticato la prima proposta di Pac, rendendo il cammino della riforma in agricoltura lungo e difficile.

Finalmente, lo scorso mercoledì il Parlamento europeo ha approvato il mandato negoziale che, per la prima volta, da pieni poteri legislativi, insieme agli Stati membri, per riformare la PAC (Politica Agricola Comune). Per garantire un approvvigionamento alimentare stabile e di alta qualità per i consumatori europei, migliorando anche la protezione dell’ambiente, la nuova politica agricola comune (PAC) deve rendere le misure “ecologiche” obbligatorie, ma introdurre anche la flessibilità necessaria per permettere agli agricoltori di affrontare le sfide dei mercati. 

A spiegare la Pac, Politica Agricola Comune, in cifre, è il ministro delle Politiche agricole Mario Catania, che ha stilato un resoconto sull’esito del negoziato sulla riforma. Ecco il prospetto in sintesi in vista dell’avvio della fase di ‘trilogo’ del negoziato:

Pagamenti diretti per quasi 27 milioni di euro, esattamente 26,985 euro, con un valore medio di 380 euro ad ettaro (378) a fronte di un livello medio comunitario pari a 263,5 euro ad ettaro, con un abbassamento dell’aiuto per ettaro che sarà progressivo. In sede negoziale si è ottenuto un allungamento del periodo di convergenza da 4 a 6 anni.

Mentre la dotazione per lo sviluppo rurale, per il periodo 2014-2020, passerà da 8.985 milioni di euro a 10.429 milioni di euro. A queste risorse va aggiunta un’ulteriore dotazione Fesr destinata alle aree rurali delle Regioni dell’Obiettivo Convergenza pari a 500 milioni di euro, corrispondenti a circa 560 milioni di euro a prezzi correnti. In considerazione del fatto che i fondi dello sviluppo rurale attivano un cofinanziamento nazionale medio pari a circa il 50% le risorse complessivamente disponibili ammonterebbero a 21.792 milioni di euro.

Un resoconto puntuale che mette in risalto punto per punto alcune novità emerse dai lavori. Il capitolo ‘pagamenti diretti’ contempla la definizione di ‘agricoltore attivo’: ‘il testo della Presidenza – si legge – non fa più tiferimento al valore dei pagamenti diretti inferiore al 5% dei proventi derivanti da attività non agricole, indicata dalla Commissine come soglia sotto la quale l’agricoltore non è definito attivo, con il nuovo testo il riferimento dell’agricoltore attivo afferisce all’attività minima agricola. Tuttavia è facoltà degli Stati membri attivare una lista di esclusione per determinati soggetti come ade sempio aziende ferroviarie, impianti idrici, società immobiliari, ecc. Inoltre anche per agricoltori le cui attività agricole costituiscono solo una parte insignificante delle loro attività economiche globali o la cui attività principale o l’oggetto sociale non sia l’esercizio di un’attività agricola’.

Tra gli altri punti nodali il cosiddetto ‘greening’, ossia la percentuale di terreno da destinare a verde. ‘L’impianto che è uscito – spiega il ministro nel documento – è di gran lunga migliore e più flessibile rispetto a quella impostazione molto rigida predisposta all’inizio dalla Commissione e basata esclusivamenet sulle tre misure: diversificazione, pascolo e Aree di interesse ecologico’.

‘Nel negoziato si è riusciti a riequilibrare un approccio troppo ‘continentale’ e a garantire maggiore uniformità per l’applicazione del greening anche nella realtà agricola italiana e mediterranea in genere. E’ inserita la possibilità di considerare misure equivalenti quali le pratiche attuate a norma degli impegni agro ambientali dello Sviluppo Rurale o schemi di certificazione ambientale nazionali. Sono state previste esenzioni per l’applicazione del greening per le aree coltivate per almeno il 75% a riso o a foraggere. nella diversificazione colturale sono stati inseriti due livelli di soglia per la sua attuazione: tra 10 e 30 ettari 2 colture e sopra 30 ettari 3 colture. Per le aree di interesse ecologico (Efa) è stata inserita la soglia d’applicazione di 15 ettari e ridotta la percentuale di realizzazione al 5%’.

(gc)

Questo articolo è stato letto 21 volte.

agricoltura, pac, politica agricola comune, Unione europea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net