ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Diritto al cibo/2, nel 2014 saremo 8 miliardi. Cosa puo’ fare l’ agricoltura

Condividi questo articolo:

L’aumento della popolazione nel mondo è un fatto recente. Nel 2014 saremo 8 miliardi. Ecco perchè si pone il problema di produrre di più secondo metodi innovativi e sostenibili. L’agricoltura è in prima linea per questo

Un’agricoltura innovativa e sostenibile che riesca a far fronte alla crescente domanda alimentare. È questa la chiave di lettura per sconfiggere la fame nel mondo, problema che ogni anno diventa più pressante con un miliardo (su sette) di persone malnutrite. Contro un miliardo di persone sovra nutrite. La sfida più complessa riguarda l’aumento della produzione alimentare attraverso una chimica sempre più sostenibile, metodologie che ottimizzano le rese o il risparmio energetico.

La rapida crescita della popolazione mondiale – arrivata quest’anno a quota sette miliardi -, come evidenzia il recente Rapporto dell’Unfpa – Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione, è un fenomeno recente. Circa 2.000 anni fa il mondo era abitato da 300 milioni di esseri umani e ci sono voluti più di 1.600 anni perché quella cifra raddoppiasse.

Oggi la popolazione mondiale conta 6 miliardi di persone in più rispetto al 1800. E l’incremento demografico sta proseguendo a ritmi vertiginosi con la previsione di arrivare a quota otto miliardi di persone nel 2014. A giocare un ruolo importante è anche il ricambio generazionale: se nei paesi occidentali si osserva un inesorabile invecchiamento della popolazione, con gli over 65 che ormai superano gli under 15, nei paesi in via di sviluppo la situazione è molto diversa. Il 55 per cento delle nuove nascite infatti avviene in Asia, il 25 per cento in Africa e l’8 per cento in America Latina. Secondo le rilevazioni delle nascite tra il 2005 e il 2010, un bambino su cinque nasce in India, che presto supererà la Cina come paese più popoloso al mondo.

L’Europa detiene solo il 5,9 per cento delle nascite, Stati Uniti e Canada il 3,4 per cento e l’Italia appena lo 0,4 per cento. Se non si troverà a breve una soluzione per garantire il diritto al cibo ai nuovi nati, lo stile di vita occidentale sembra destinato a sparire.

(Nereo Brancusi)

 

Questo articolo è stato letto 6 volte.

acqua, agricoltura innovativa, america latina, Asia, cambiamenti climatici, cibo, fame nel mondo, futuro, Italia, onu, popolazione mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net