Halloween, come truccare i bambini evitando allergie

Condividi questo articolo:

Truccare il viso di un bambino e’ un’operazione delicata. Ecco i consigli per evitare l’insorgere di allergie

 

E’ tutto pronto per Halloween, dalla zucca alla scelta del vestito più mostruoso. Manca solo il trucco, anche questo spaventoso e cupo, come quello di uno zombi. Ma a volte dopo la serata di festa e dopo che il trucco va via compaiono delle bollicine rosse, delle macchie e delle zone irritate. La notte più lunga dell’anno ha lasciato un’allergia brutta e fastidiosa.

E così, in occasione di Halloween la Food and drug administration, l’ente americano di controllo su farmaci e cosmetici, ricorda come truccare il viso dei bambini senza correre rischi per la loro salute. Come truccare i bambini per evitare allergie? Innanzitutto non decoriamo il viso se i trucchi non sono adatti al tipo di pelle ed all’età. Non utilizzare i trucchi, poi, se i prodotti hanno un odore sgradevole.

Per evitare eventuali allergie in occasione di Halloween, non truccare mai le palpebre, la riga ciliare e l’area intorno agli occhi. Questa è una zona delicata e le reazioni allergiche sono più comuni. Prima di applicare qualsiasi prodotto è meglio testarlo sul braccio un paio di giorni prima per controllare se provoca una allergia. Ricordarsi sempre che un colorante già usato in passato sulle mani, sulle unghie o sui capelli, può non essere adatto al viso e può provocare una reazione allergica.

 

Quando si trucca un bambino fare particolarmente ai colori fluorescenti e illuminanti, attenendosi sempre alle indicazioni riportate sulle etichette e di non usarli assolutamente.

gc 

Questo articolo è stato letto 16 volte.

allergie, Halloween, trucco allergia, trucco halloween

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net