ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Mo: Casa Bianca, 'grave preoccupazione per escalation violenza'**-Calcio: CR7 in visita alla Ferrari in compagnia di John Elkann e Andrea Agnelli-Giustizia: Zanettin, 'possibile riforma per processi celeri con meno errori giudiziari'-**Covid: Sgarbi, 'mi hanno contestato 8 verbali per violazioni dpcm, metteteveli nel ...'**-Lega: Giorgetti, 'piena sintonia con Salvini'-Giustizia: Bernini, 'ragionevole durata per processo che deve essere giusto'-Calcio: interrogazione Lonardo, 'Mazzoleni ha aiutato Cagliari'-Calcio: interrogazione Lonardo, 'Mazzoleni ha aiutato Cagliari' (2)-Covid: Cecchetti (Lega), 'Lombardia riparte, riapre la Scala e ora via il coprifuoco'-Calcio: Inter, annullata la conferenza stampa di domani del tecnico Conte-Mare: Tajani, 'siamo ai vertici, sosteniamo turismo in Italia'-Atletica: caso Schwazer, Wada e World Athletics ottengono proroga di un mese-Covid: vaccini ai 50enni in Lombardia, al debutto 438mila prenotazioni-Nuoto sincronizzato: Europei, Ogliari e Sportelli bronzo nel tecnico (2)-Giornata Mondiale della Fibromialgia: cinque giovani illustratrici danno un volto alla patologia-Arte: a New York parte la settimana delle aste con i capolavori stellari (2)-Covid: Fontana, 'da prenotazioni 50enni risultato straordinario in meno di 24 ore'-Palermo: Anm Palermo, 'Mineo per tutti noi un punto riferimento, memoria storica aula bunker'-Calcio: Inter, Zhang incontra giocatori, chiesta rinuncia a 2 mensilità-Mo: raid Israele, uccisi 9 palestinesi fra cui tre bambini

Maratea. La Basilicata vista dal Tirreno

Condividi questo articolo:

Una delle località costiere più belle d’Italia. Distesa su un versante del monte San Biagio e protetta dal suo Redentore – la statua del Cristo alta 21 metri e seconda solo a quello di Rio de Janeiro – la cittadina lucana domina una costa ricca di sorprese, alla quale si arriva da strade immerse nel verde

Il sole caldo e le alte temperature rendono ancora forte la voglia di mare. Così decidiamo di visitare Maratea, probabilmente una delle località costiere più belle d’Italia. Distesa su un versante del monte San Biagio e protetta dal suo Redentore – la statua del Cristo alta 21 metri e seconda solo a quello di Rio de Janeiro – la cittadina lucana possiede una costa ricca di sorprese. Le alte falesie che scendono fino al mare, i fiumiciattoli che attraversano le spiagge e rendono più trasparente l’acqua marina, le piccole spiagge nascoste possono essere scoperte in questo periodo dell’anno in cui la folla dei turisti è ormai sparita. 

Il litorale si snoda per circa 30 km fra la macchia mediterranea e nasconde decine di spiagge da esplorare. Alcune sono raggiungibili solo via mare, altre invece possono essere raggiunte via terra con facilità. Ricordatevi che a Maratea le spiagge sono per lo più di sassi. Piccolini sassolini neri che il suole infuoca. In località Castrocucco invece esistono lunghe spiagge di sabbia. Nessuna parola comunque potrà descrivere pienamente i colori del mare. Maratea è entrata nella Guida Blu 2011 di Touring Club e Legambiente con il giudizio più alto. Cinque vele che promuovono con il massimo dei voti qualità delle acque , conservazione del territorio, accoglienza turistica e pulizia delle spiagge.

L’entroterra non riserva minori sorprese. Sulla cima del monte San Biagio si erge la Basilica dedicata all’omonimo santo (naturalmente san Biagio è il protettore di Maratea). Si dice che la chiesa sia nata nello stesso luogo in cui sorgeva un antico tempio pagano dedicato a Minerva. Tra la macchia mediterranea si ergono ancora i resti delle torri che proteggevano l’abitato.  Dalla basilica si giunge agevolmente alla statua del Redentore e da lì è possibile ammirare l’intera costa. Scendendo lungo la strada sterrata si possono vedere i ruderi dell’antica Maratea “Castello”.  Alle spalle della basilica, invece, un piccolo eremo, detto della Madonna degli Ulivi, racconta come le grotte lucane furono abitate dai monaci bizantini fuggiti dai loro paesi quando l’imperatore romano d’Oriente vietò l’uso delle immagini sacre. L’intera Basilicata è infatti costellata di piccole chiese rupestri, semplici grotte ricche di affreschi.

Vale la pena però dedicare una giornata anche alla visita del centro storico di Maratea, detta anche la città delle 44 chiese. Molti gli edifici monumentali e gli antichi palazzi nobiliari, dai portali in pietra lavorata (Casa Calderano, Palazzo d’Orlando, Casa Marini d’Armenia). Le chiese nascondono opere d’arte, come quelle custodite nella Chiesa Madre e in quella dell’Annunziata.

Prima di partire visitate il sito: www.maratea.info

(Alessandra Severini)
 

Questo articolo è stato letto 31 volte.

costa tirrenica, Lucania, Maratea, percorsi natura, Tirreno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net