ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni-Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"
acque reflue

La plastica trova infinite strade per inquinare

Condividi questo articolo:

 

acque reflue

Oltre 800.000 miliardi di microsfere entrano nelle acque reflue degli Stati Uniti ogni giorno

Una nuova analisi delle acque reflue degli Stati Uniti dimostra che c’è un invasione di oltre 800.000 miliardi di microsfere al giorno per colpa dei detergenti abrasivi per lavare viso, dei dentifrici e di tutte le perline di plastica che vengono aggiunte a centinaia di prodotti per dargli una buona consistenza granulosa. Dato che questi prodotti sono destinati ad essere risciacquati giù per lo scarico, l’impatto sugli habitat acquatici è notevole: 8.000 miliardi ci finiscono direttamente, mentre altri 800.000 miliardi passano per gli impianti di depurazione dei fanghi, che spesso sono distribuiti a terra e permettono alle microsfere di trovare comunque la strada per i corsi d’acqua e per gli oceani.

Nell’analisi, scienziati provenienti da sette diversi istituti hanno detto che è necessario sancire un divieto assoluto di impiego di queste microperle di plastica nei prodotti destinati a entrare nelle acque reflue, che la regolamentazione è il modo migliore per proteggere la qualità delle acque, la fauna selvatica, e le risorse utilizzate dalle persone, anche perché esistono alternative  biodegradabili e non tossiche alle microsfere.

Gli impianti per il trattamento delle acque di scarico non sono costruiti per la gestione di contaminazioni di questo tipo, quindi non c’è alcun modo per arginarne la presenza nelle acque, tanto più che queste microsfere sono molto resistenti e diventano una delle parti di plastica tra le molte che vanno a finire nel contenuto intestinale della fauna selvatica.

Non c’è bisogno di aggiungere altro per poter supportare una legislazione in merito, anche perché, nel più ampio problema di inquinamento causato dalla plastica, questo problema è il più controllabile.

In molti paesi, l’uso delle microsfere nei prodotti per la cura personale è già vietato, ma fino a quando non saranno proibite dappertutto, ci si può rivolgere al sito beatthemicrobead.org, per controllare, aiutare e iniziare da qualche parte a fare qualcosa.

Questo articolo è stato letto 70 volte.

acqua, energia plastica, mare, plastica

Comments (187)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net