Le macchine voleranno

Condividi questo articolo:

In Giappone e in Italia già nel 2025

Non osiamo immaginare cosa potrebbe succedere se tutte le macchine che ora macinano chilometri e chilometri sulla terra, ad un certo punto dovessero alzarsi e volare nell’aria.

Innanzi tutto servirebbe un ordinamento e un codice della “strada” aerea per evitare i possibili incidenti e secondariamente un corso per poter rilasciare delle patenti appositamente fatte per il transito aereo.

Prima di tutto però non dimentichiamoci che ancora le macchine volanti non esistono, ma sembra che in Giappone il progetto possa diventare realtà a breve.

La startup giapponese SkyDrive, ha annunciato l’intenzione di mettere in commercio la sua prima “macchina volante” fra circa 2 anni, in occasione dell’Esposizione universale di Osaka del 2025.

Si tratta di un veicolo a decollo e atterraggio verticale (eVTOL), attualmente al vaglio del Ministero dei Trasporti e Turismo giapponese per ottenere le certificazioni necessarie per essere messo in commercio.

Negli anni scorsi sono stati realizzati test di volo con equipaggio con prototipi grandi all’incirca come due auto.

Anche l’Italia però non vuole restare a guardare.

Anche da noi arriveranno le macchine volanti e non dovremo spettare nemmeno così tanto tempo!

Il primo decollo di un aerotaxi in Italia infatti, è previsto nel 2025 dagli aeroporti di Roma e Torino e nel 2026 il servizio potrebbe essere in funzione tra Milano e Cortina, in occasione delle Olimpiadi invernali.

Non ci resta altro che aspettare allora, per capire se quello che abbiamo visto nelle saghe di “Ritorno al futuro” potrebbe diventare una solida realtà pronta a conquistare il mercato delle automobili, o per meglio dire, delle “aviomobili”!

D.T.

Questo articolo è stato letto 62 volte.

automobili volanti, expo osaka, flying car, giappone, Macchine volanti, macchine voleranno

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net