ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Franceschini: "Nasce potente strumento per il sostegno e il rilancio del settore turistico"-Franceschini: "Turismo diventerà sempre più esperienziale"-Federturismo: "Fondo nazionale di Cdp centrale per ripresa"-Assoturismo: "Bene Fondo Cdp, strumento per rilancio"-Francia: Conte, 'solidarietà per vile attacco'-Cdp: "Con Fondo Nazionale Turismo mobilitati fino a 2 mld"-Firenze: Mattarella incontra ragazzi che salvano coetaneo, 'esempio di aiuto reciproco per tutti'-A Bari la seconda edizione degli 'Stati generali dell'Export'-A Bari la seconda edizione degli 'Stati generali dell'Export'-Gruppo Cap, utility strategiche per transizione energetica-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (2)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (3)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (4)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (5)-M5S: Bonafede, 'basta divisioni e polemiche'-Vescovo di Ozieri: "A Caritas né favori né atti indebiti, pronti a documentarlo"-Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità-**M5S: Corrao, 'congressi territori poi Stati generali, 12 novembre nuovi vertici'**-Fondirigenti, formazione spinge aumento produttività

Stampare un’auto con la stampante 3D

Condividi questo articolo:

La Divergent 3D Blade entra nel dibattito sulle auto verdi con la sua produzione rivoluzionaria, pulita e democratica 

La società californiana Divergent 3D ha lanciato il suo modello Blade più o meno sei mesi fa: l’idea fulminante è stata quella di creare la prima supercar al mondo che può essere stampata in 3D, democratizzando il processo di produzione e diminuendo non lo solo la quantità di inquinamento direttamente connessa con la fabbricazione, ma anche la quantità di materiale necessaria per ogni veicolo. La Divergent 3D Blade produce solo 1/3 delle emissioni di un’auto elettrica, richiede 1/50 del costo del capitale in fabbrica, pesa meno di 700 Kg (contro gli oltre 2.100 della Tesla S) e ha un rapporto potenza/peso che è il doppio di quello di una Bugatti Veyron.

L’ingresso di questa supercar nel dibattito sulle auto verdi è stato necessario: la discussione su quale tipo di auto è la più «pulita» non è così semplice come sembra, perché di solito si tende a sorvolare su un grande fattore, cioè l’impatto non direttamente correlato al suo utilizzo, ovvero i costi nascosti dell’energia.

La produzione di auto può essere sempre un po’ più pulita nel complesso, grazie ai miglioramenti incrementali nella gestione della supply chain, all’efficienza nel funzionamento degli impianti, alle iniziative sulla gestione dei rifiuti, all’adozione di fonti di energia rinnovabili, alle compensazioni di carbonio, eccetera, e quindi anche i veicoli possono essere sempre un po’ più puliti grazie a questo stesso processo incrementale, attraverso miglioramenti come aumentare l’efficienza dei motori a gas, ridurre le emissioni di scarico, alleggerire il peso dei veicoli, aggiungere una componente di trazione elettrica ibrida (soprattutto ai veicoli convenzionali). Ma c’è un ma.

Esiste un’altra soluzione, nuova, ed è proprio quella offerta dalla Divergent: utilizzare la stampa 3D in alluminio e fibra di carbonio per re-immaginare la produzione dei veicoli dall’interno verso l’esterno.

I danni ambientali causati dalla normale produzione delle auto potrebbe mutare in maniera davvero rivoluzionaria.

video

 

 

Questo articolo è stato letto 12 volte.

3D, auto, Divergent, Stampa 3D, stampante, stampante 3d

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net