ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Francia: Minc, 'dipendenti dovrebbero detenere 10% del capitale delle loro aziende'-Governo: Bersani, 'Iv operazione di transfughi e arroganti-**Coronavirus: lo statistico Arbia, 'assurdo vincolare passaggio zona a numero infetti'**-Coronavirus: esperto, 'sono 10 mln gli italiani già entrati in contatto con virus'-Napoleone: venduta per quasi 100mila euro la chiave della prigione di Sant'Elena-**Calcio: Pingitore, 'una battuta sulla Roma di ieri? ..Sì, bisogna darla in testa ai giocatori'**-**Iraq: Del Noce, 'l'apocalisse su Baghdad, non scorderò mai prima notte guerra del Golfo'**-**Iraq: Del Noce, 'l'apocalisse su Baghdad, non scorderò mai prima notte guerra del Golfo'** (2)-Polizia: Gasparri, 'da Nannini messaggio fallito, ritiri video'-Coronavirus: Gelmini, 'non garantiti abbandonati da governo'-**Governo: Udc, 'no a giochi palazzo, noi restiamo nel centrodestra'**-Governo: Orlando, 'trasformista? quello che ha cambiato casacca come te ma ti sta antipatico'-Governo: De Bonis (Maie), 'crescono adesioni, dopo fiducia Conte Ter con nuova squadra'-Recovery: Magorno (Iv), 'uniti per non lasciare indietro la Calabria'-Governo: Crippa, 'risolviamo crisi che interessano a cittadini'-Governo: Lupi, 'serve autorevolezza, non Conte ter'-Governo: Napoli (Fi), 'serve maggioranza con programma credibile e spendibile'-**Governo: Cucca (Iv), 'sono e resto con Renzi, basta illazioni'**-Coronavirus: Campomenosi (Lega), 'inaccettabile fondi Ue a laboratorio Wuhan'-**Governo: Merlo (Maie), 'crediamo in progetto politico Conte'**

Violenza su donne, Palazzo Mattei si illumina di arancione

Condividi questo articolo:

Roma, 26 nov. (Adnkronos) – In occasione della Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne, ‘Orange day’, Eni ha confermato il proprio impegno per la promozione dell’uguaglianza di genere e per la lotta contro ogni forma di discriminazione e maltrattamento, sostenendo la campagna Onu ‘Unite’, dal 25 novembre al 10 dicembre (Giornata internazionale Dei Diritti Umani), per sottolineare come la violenza contro le donne sia una delle più pervasive violazioni dei diritti umani a livello globale.

Ieri, mercoledì 25 novembre dalle ore 18 alle 24, per la prima volta Palazzo Mattei, storica sede Eni nel cuore dell’Eur a Roma, si è illuminata di arancione per sensibilizzare l’attenzione pubblica su una tematica fondamentale e che, in particolar modo in questo ultimo periodo di emergenza sanitaria, ha mostrato in molti paesi un aumento dei casi di violenza domestica a causa di due macro-fattori: da un lato il lockdown, che aumenta i rischi e gli impatti delle violenza in ambito domestico e dall’altro la contrazione nell’offerta di programmi e strutture a disposizione delle vittime, per impiegare risorse e fondi allo scopo di fronteggiare la pandemia.

Il colore arancione è il filo conduttore che unisce le iniziative a livello mondiale, Eni ha dedicato ampio spazio sul proprio sito eni.com e sulla sua intranet aziendale myEni per prevenire la violenza, attraverso la realizzazione di campagne e iniziative di comunicazione focalizzate sulle norme sociali e culturali, con un riferimento esplicito alla pandemia e ai suoi impatti negativi; corsi dedicati ai propri dipendenti sui diritti umani, sulla parità di genere e contro le molestie; una call to action per condividere foto per lo stop alla violenza caratterizzate dal colore arancione; racconti e testimonianze a supporto dell’iniziativa.

Eni è attivamente impegnata nella promozione della parità di genere per raggiungere l’uguaglianza e l’empowerment (maggiore forza, autostima e consapevolezza) di tutte le donne e le ragazze, una priorità in linea con l’obiettivo di sviluppo sostenibile SDG 5 dell’Agenda 2030, che la società ha inserito nella sua mission aziendale e che rappresenta in maniera più esplicita il cammino che Eni ha intrapreso per rispondere alle sfide universali, contribuendo al raggiungimento degli Obiettivi che l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha fissato al fine di indirizzare chiaramente le azioni che tutti gli attori devono intraprendere.

Questo articolo è stato letto 8 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net