Usa: Trump citato in giudizio per violenza sessuale negli anni ’90

Condividi questo articolo:

Washington, 25 nov. (Adnkronos) – La scrittrice Jean Carroll ha citato in giudizio Donald per violenza sessuale negli anni ’90. La donna è tra le prime a fare causa ai sensi dell’Adult Survivors Act, la legge statale, entrata in vigore ieri, che concede alle vittime un periodo di un anno per intentare causa per violenza sessuale a New York per denunce che altrimenti supererebbero i limiti di legge.

L’ex presidente ha negato le accuse contro di lui. La Carroll sostiene che l’aggressione sia avvenuta nel camerino di un grande magazzino di lusso di New York 27 anni fa e ha anche citato in giudizio l’ex presidente Trump per diffamazione, dopo che l’ha accusata di mentire quando ha reso pubbliche le sue accuse per la prima volta nel 2019. Trump ha definito le affermazioni della signora Carroll “finzione”.

L’avvocato di Trump Alina Habba ha dichiarato ai media statunitensi che, pur rispettando e ammirando le persone che si fanno avanti, “questo caso è purtroppo un abuso dello scopo di questa legge” e “corre il rischio di delegittimare la credibilità delle vittime reali”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net