ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid Italia, 1.147 contagi e 35 morti: bollettino 18 giugno-Covid Italia, 1.147 contagi e 35 morti: bollettino 18 giugno-Covid Italia, 1.147 contagi e 35 morti: bollettino 18 giugno-Milano: Moratti, 'finalmente comune si allinea, restano operativi ospedali Ss Paolo e Carlo'-Covid: Moratti, 'con piano famiglia giovani possono conciliare vacanze e vaccino'-Covid oggi Italia, 1.147 contagi e 35 morti: bollettino 18 giugno-Sondrio: Sertori, 'da settembre piena operatività di tutti gli uffici postali'-Sondrio: Sertori, 'da settembre piena operatività di tutti gli uffici postali' (2)-Covid: Foroni, 'su vaccini, in Lombardia grande lavoro volontari protezione civile'-Seconda dose AstraZeneca, Draghi: "Chi vuole, può farla"-Tennis: Atp Queen’s, Berrettini in semifinale, battuto Evans in due set-**Musica: Saviano, 'De Luca mi ha escluso dal Ravello Festival'**-Tod’s: scatta da domani la campagna vaccinale nell’headquarter marchigiano-Lombardia: Locatelli in visita nel bresciano, 'un territorio ricco di realtà preziose'-Comunali: domenica primarie a Roma e Bologna, occhi puntati su partecipazione/Adnkronos-Comunali: domenica primarie a Roma e Bologna, occhi puntati su partecipazione/Adnkronos (2)-Calabria: Boccia fa il punto con il Pd locale su scelta Ventura-Corruzione: Montante, 'mai parlato di antimafia, non eravamo sceriffi'/Adnkronos-Corruzione: Montante, 'mai parlato di antimafia, non eravamo sceriffi'/Adnkronos (2)-Corruzione: Montante, 'mai parlato di antimafia, non eravamo sceriffi'/Adnkronos (3)

Unioni civili: Nobili (Iv), ‘stagione diritti merito governo Renzi’

Condividi questo articolo:

Roma, 11 mag. (Adnkronos) – “La stagione dei diritti in Italia ha coinciso col Governo Renzi. È grazie a quella indimenticabile stagione riformista che 5 anni fa, l’11 maggio 2016, le unioni civili sono diventate realtà in Italia. Grazie al coraggio di Matteo Renzi e di Maria Elena Boschi”. Lo scrive su Facebook Luciano Nobili, deputato e componente della cabina nazionale di regia di Italia viva.

“Ogni tanto il mio fraterno amico Ivan Scalfarotto -continua- mi ricorda: ‘Ci voleva un boy scout di Rignano per dare a me e a Federico i diritti che aspettavamo da anni’. E ha perfettamente ragione. Io me le ricordo quelle settimane, le difficoltà, lo scontro anche con persone a me molto care e con un pezzo del Paese che si oppose con grande forza a diritti che non volevano togliere nulla a nessuno, nel rispetto di tutti. Credo che con qualche anno di distanza e col necessario distacco, su questi temi, diventati realtà grazie al coraggio di chi non si è fatto fermare, si possa costruire una nuova concordia e condivisione. In ogni caso c’è l’orgoglio di aver dimostrato che non si governa per conquistare voti, per perpetuarsi al potere. Si governa per cambiare le cose”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net