ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Ddl concorrenza: Pd, 'accordo ragionevole, ora accelerare su riforme'-Governo: Draghi, 'in condanna attacco sede Cgil difesa democrazia'-**Pil: Moody's taglia a 2,3% crescita Italia in 2022, G20 a +3,1%**-Vaiolo scimmie, Uk ha acquistato oltre 20mila dosi vaccino-Caso camici: giudice, 'nessun danno da mancata consegna, non più impellenti'-Governo: Draghi cita Marini, 'convergere per scelte migliori Paese è forza democrazia'-Ucraina: Draghi, 'crisi mettono a dura prova coesione sociale'-Fisco: Draghi, 'pressione scenderà nel 2022 di 0,4%, calo più alto ultimi 6 anni'-Titoli Stato: volano rendimenti in aste Btp, +115 punti per quello a 10 anni-Caso camici: giudice, 'Fontana imbarazzato ma da imputati nessun inganno'-**Lavoro: Draghi, 'governo si è mosso con rapidità per tutelare lavoratori'**-Lavoro: Draghi, 'molto ancora da fare su morti bianche, tema civiltà che qualifica democrazia'-Ucraina: Draghi cita Tarantelli, 'utopia deboli è paura forti'-Confindustria Moda: tessile, moda e abbigliamento chiude 2021 a 91,7 mld (+22,2%)-Governo: Draghi, 'cambiamento dipende da azione di oggi, serve coraggio'-Governo: Draghi, 'cercato e trovato dialogo con sindacati'-**Governo: Eurispes, tecnico o politico, importante premier adatto a ruolo e onesto**-**Riforme: Eurispes, sì a maggiore autonomia Regioni, la chiedono quasi 70% italiani**-Riforme: Eurispes, fiducia in Presidenza Repubblica ma italiani divisi su elezione diretta-Governo: Draghi, 'è qui per cambiare le cose, non per stare fermo'

Tirrenia: Cin offre 144 mln euro, pm ‘commissari decidano entro gennaio’ (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Nella doppia udienza, davanti al tribunale fallimentare di Milano, si è prima discussa la situazione di Moby – la procura ha esteso alla compagnia di Onorato l’istanza di fallimento – apparentemente più semplice: i bondholder e le banche hanno “dato il preventivo consenso” a un progetto che prevede percentuali di recupero per i creditori “significativamente superiori” rispetto a quello precedentemente presentato. I commissari sono intenzionati ad esprimersi “nel giro di dieci giorni” – fanno sapere informalmente – un’assonanza di vedute che potrebbe anticipare l’adunanza dei creditori fissata per il prossimo 6 aprile.

Più complessa, invece, la questione relativa a Cin che ha un debito chirografario, cioè senza garanzia, pari a 180 milioni di euro, di cui 159 milioni riconosciuti dall’arbitrato. Nel nuovo piano viene riconosciuto il pagamento dell’80% della totalità del debito nei confronti di Tirrenia, ossia “144 milioni di euro” ‘garantito’ con quattro navi, su questo “si deciderà la vita e il lavoro di 6mila famiglie” spiega l’avvocato Pasquale Pantano che cura gli interessi del gruppo Onorato.

Il concordato riguarda uno dei principali gruppi di navigazione, per cui accorciare i tempi è interesse di tutti: lo stesso pm ha auspicato in aula che i commissari straordinari possano approvare o bocciare il piano in tempi rapidi così da poter superare la crisi e riposizionarsi sul mercato. I giudici del tribunale si sono riservati, la palla ora è nelle mani dell’amministrazione straordinaria di Tirrenia.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net