Spazio: ricerca spaziale riparte da Vega, il lanciatore made in Italy di Avio (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – L’impiego del suo innovativo dispenser S.S.M.S. (Small Spacecraft Mission Service), inoltre, conferisce all’azienda aerospaziale un ulteriore elemento di eccezionalità. La struttura hi-tech ideata, progettata e realizzata da Avio in collaborazione con Sab Aerospace, ha permesso alla missione VV16 di mettere in orbita ben 53 satelliti artificiali di 13 paesi differenti, rilasciando nello spazio nano, micro e mini satelliti, da 1 a 400 kg. I satelliti in orbita lavoreranno a beneficio di 21 clienti differenti ad altezze comprese tra i 515 e i 530 chilometri, destinati a supportare la ricerca scientifica, l’osservazione della Terra e le telecomunicazioni.

L’azienda italiana è attualmente impegnata nella progettazione di nuove meccaniche per questa tipologia di satelliti. Tra i progetti in cantiere c’è il Vega C, evoluzione del Vega, che sarà in grado di trasportare satelliti medio-piccoli in orbita bassa.

L’impresa spaziale del lanciatore Vega si inscrive nel contesto dell’ambiziosa iniziativa europea Esa-Lll, che ha lo scopo di incrementare le opportunità di lancio a basso costo di satelliti leggeri e rafforzare la presenza europea sul mercato aerospaziale presidiato dalla concorrente Space X.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net