Spazio: l’Italia nel turismo spaziale, accordo con Virgin Galactic ma check-in ancora chiuso/Adnkronos

Condividi questo articolo:

Roma, 21 ott. (Adnkronos) – Anche l’Italia si sta preparando al turismo spaziale. Dopo i lanci da prima pagina della Blue Origin di Jeff Bezos, della Virgin Galactic di Richard Branson e della SpaceX di Elon Musk, anche il nostro Paese scalda i motori per un turismo in orbita made in Italy. E, stando a quanto apprende l’Adnkronos da fonti vicine al dossier, si stanno già compiendo i primi passi. L’Agenzia Spaziale Italiana, infatti, si é già mossa da tempo in questa direzione ed é dal 2018 che ha iniziato ad organizzare lanci turistici dal territorio italiano stringendo un accordo proprio con la Virgin Galactic di Richard Branson che, l’11 luglio scorso, é diventato il primo ‘turista spaziale’ della storia e volare oltre la linea di Karman.

Con questa intesa, l’Asi, anche attraverso la sua controllata Altec, sta programmando il primo volo turistico spaziale italiano e la base di lancio individuata é il futuro spazioporto di Grottaglie, in Puglia. Ma il chek-in non é ancora aperto. In verità non c’é ancora “una lista passeggeri” perché, al momento, i bene informati non hanno visto “nessun paperone prenotare un posto o comprare un biglietto”. Eppure c’é chi assicura che “la strada si é aperta, anche se resta ancora un po’ di cammino da fare”.

Per vedere una ‘carta d’imbarco’ tricolore per un viaggio nello spazio “c’é tutta una parte normativa da sistemare”. Serve anche e “un iter” per realizzare un lancio turistico dal nostro territorio. E non ultimo anche lo spazio porto di Grottaglie “é da consolidare”. Ma una volta risolto lo scoglio burocratico, il sistema spaziale italiano é pronto per il business del turismo in orbita? Per capire lo ‘stato dell’arte’, l’Adnkronos ha raggiunto telefonicamente a Dubai – dove si trova per la Settimana dello spazio di Expo 2020 – l’amministratore delegato di Argotec, David Avino, per sondare con lui – che ha portato sulla Iss la prima macchina per il caffé spaziale – se siamo pronti a una vacanza tricolore in microgravità.

Questo articolo è stato letto 7 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net