ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Qatar 2022: invasore di campo con bandiera arcobaleno durante Portogallo-Uruguay-Qatar 2022: Tite, 'vittoria di gruppo, Casemiro miglior centrocampista al mondo'-Calcio: sorteggiato il 3° turno di FA Cup, spicca Manchester City-Chelsea-Pallavolo: Europei, domani a Bari presentazione della fase in programma al Palaflorio-Qatar 2022: gruppo H, Portogallo-Uruguay 0-0 alla fine del primo tempo-Allergologi: "Problema tariffe, senza decreto a rischio diagnostica pubblica"-Lombardia: Roth (Apl), 'Pedemontana lombarda nuovo paradigma di trasporto'-Olimpiadi: dal 1° dicembre in vendita i biglietti dei Giochi di Parigi 2024-Recuperato il corpo del terzo fratellino, si continua a scavare-Cecchi (Aaiito): "Con lo smog più ricoveri e morti per malattie respiratorie"-Qatar 2022: Casemiro, 'partita noiosa ma l'importante era qualificarci agli ottavi'-Cecchi (Aaiito): "Con lo smog più ricoveri e morti per malattie respiratorie"-Pnrr: Messina (Intesa Sp), 'la più grande opportunità per realizzare balzo economia'-Qatar 2022: le formazioni ufficiali di Portogallo-Uruguay-Università Iulm, "La sfida etica dell’Intelligenza artificiale"-Calcio: Glasgow Rangers, Beale è il nuovo allenatore-Qatar 2022: Svizzera battuta da un gol di Casemiro, il Brasile vola agli ottavi-Ciocchetti (Fdi): "Oltre a fondi sanitari serve ridurre vincoli fiscali e burocrazia"-Gemmato: "Sana collaborazione pubblico-privato favorisce l'innovazione nella ricerca"-Torna il progetto 'Fattore J' per avvicinare i giovani alla scienza

Spazio, dall’Esa immagini spettacolari di Dart che impatta l’asteroide

Condividi questo articolo:

Roma, 29 set. (Adnkronos) – Sono “spettacolari” le immagini diffuse dall’Esa sull’impatto della sonda Dart della Nasa che, nelle prime ore di martedì scorso 27 settembre, alle 01:15, ha colpito con successo l’asteroide Dimorphos, la piccola luna di 160 metri che orbita intorno all’asteroide Didymos. L’Esa rileva che “circa 38 secondi più tardi, il tempo necessario alla luce per arrivare sulla Terra, le persone in tutto il mondo hanno assistito alla brusca interruzione della diretta dal veicolo spaziale, a indicare che l’impatto si era verificato come previsto: Dart non esisteva più”. Astronome e astronomi su una piccola fetta della superficie del nostro pianeta, che si estende dall’Africa meridionale e orientale all’Oceano Indiano fino alla Penisola Arabica, hanno potuto osservare l’evento in diretta con i telescopi.

Tra questi, indica ancora l’Agenzia Spaziale Europea, una mezza dozzina di stazioni si sono unite per una campagna di osservazione dedicata, organizzata dall’Ufficio per la Difesa Planetaria dell’Esa e coordinata dal team di osservatori del Near-Earth Object Coordination Centre (Neocc) dell’Esa. Come sempre, quando si verifica un evento astronomico così rapido, non tutte le stazioni hanno ottenuto risultati soddisfacenti: nuvole, problemi tecnici e altre criticità condizionano sempre le osservazioni sul campo.

Nonostante ciò, l’Agenzia spiega che “alcune delle stazioni che collaborano con l’Esa sono state in grado di fornire immediatamente una conferma diretta dell’impatto della sonda Dart, come il team dell’osservatorio di Les Makes, sull’isola francese della Riunione, nell’Oceano Indiano. “La sequenza di immagini fornite in tempo reale – osserva l’Esa- è stata straordinaria: l’asteroide ha iniziato immediatamente a illuminarsi al momento dell’impatto e nel giro di pochi secondi era già sensibilmente più luminoso. In meno di un minuto, una nube di materiale espulso è diventata visibile ed è stato possibile seguirla mentre si allontanava verso est e si dissipava lentamente”.

Il video proviene dalle osservazioni dell’Osservatorio di Les Makes a Riunione e mostra in pochi secondi quello che è avvenuto in poco meno di mezz’ora. “Una cosa del genere non era mai stata realizzata prima, e non sapevamo realmente cosa aspettarci. È stato un momento emozionante per noi quando sono arrivate le immagini” spiega Marco Micheli, astronomo del Neocc dell’Esa.

Dora Föhring, un’altra astronoma del Neocc, rileva che “è stato il coronamento di settimane di discussioni, incontri, pianificazione accurata e osservazioni da parte del nostro team, insieme agli osservatori locali e alle scienziate e agli scienziati di tutte le stazioni che collaborano con noi”. “Questa straordinaria campagna – prosegue l’astronoma- ha prodotto dati che le nostre astronome e i nostri astronomi, unitamente all’intera collaborazione Dart, inizieranno ora ad analizzare per estrarre preziose informazioni scientifiche sugli effetti dell’impatto”.

Con la fine della missione Dart, l’Esa riferisce che inizia il lavoro per gli astronomi e gli scienziati di tutto il mondo, e si apre un nuovo capitolo per la missione Hera dell’Esa, che ora assume un ruolo di primo piano nello studio ravvicinato del primo test di deflessione di un asteroide. “I risultati di Dart ci prepareranno per la visita di Hera al sistema binario Didymos per esaminare le conseguenze di questo impatto tra qualche anno” spiega Ian Carnelli, responsabile della Missione Hera. “Hera ci aiuterà a capire cosa è accaduto a Dimorphos, il primo corpo celeste ad essere stato spostato in modo misurabile dall’uomo, e in definitiva a proteggerci da rocce spaziali che un giorno potrebbero fare lo stesso” conclude Ian Carnelli.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net