Roma: tragedia a Ardea, uccide due fratellini e anziano, poi si toglie la vita/Adnkronos (2)

Condividi questo articolo:

(Adnkronos) – Questa mattina i due fratellini erano scesi in strada a giocare nel parco pubblico di via degli Astri, stavano andando in bicicletta quando intorno alle 11 il 34enne è arrivato pistola in pugno e li ha uccisi, sparandogli alla gola e al petto. Il 74enne che assisteva alla scena e ha provato a intervenire è stato colpito alla testa. Come in una vera e propria esecuzione. ”Sono morti dando la mano al padre”, ha raccontato Stella Di Gennaro, la nonna materna dei due bambini. “Mezz’ora ci ha messo l’ambulanza”, ha poi aggiunto, i soccorsi “sono arrivati troppo tardi”. Sul posto sono intervenuti due elicotteri, due ambulanze e un’auto medica dell’Ares 118 che hanno tentato a lungo di rianimare i bambini e l’anziano ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Una domenica come tante si è trasformata così in una tragedia che ha lasciato sgomenti non solo gli abitanti della piccola comunità di Ardea ma dell’Italia intera. Dopo gli spari sono scattate subito le ricerche dei carabinieri per rintracciare il responsabile del triplice omicidio. Lui si è barricato in casa per oltre tre ore. Oltre ai carabinieri di Pomezia e Anzio, sono arrivati anche gli uomini delle Api (Aliquote primo intervento) del comando provinciale di Roma. I negoziatori hanno provato a mettersi in contatto con l’uomo via telefono ma senza successo.

Sono stati i Gruppi speciali di intervento carabinieri a fare irruzione nella villetta mentre due elicotteri e due droni seguivano l’operazione. Quando i militari sono entrati in casa, dopo aver fatto saltare la porta, hanno trovano il 34enne morto suicida in camera da letto. Vicino al corpo hanno trovato anche l’arma.

(di Giorgia Sodaro e Daniele Dell’Aglio)

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net