ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
**Maltempo: lo spadista Fichera su Catania, 'preoccupato per dopo uragano, da noi i tempi sono lenti'**-**Maltempo: lo spadista Pizzo, 'catanesi abituati a risorgere ma l'uomo ha fatto male alla Terra'**-Omofobia: Zan (Pd), 'ha ragione Letta, Iv ha rotto con Pd e fronte progressista'-Vaticano, sequestro cellulare Marogna: atti a Cassazione-Bce: Lagarde, 'non vedo a breve condizioni per aumento tassi'-Consulta, Corte: "Sanatoria regionale dighe illegittima, violano autorizzazione paesaggistica"-Pd: Letta, 'da Agorà uscirà futura coalizione, proseguono fino a primavera'-**Bce: Lagarde, 'credo che Pepp finirà a marzo 2022'**-Pensioni: Letta, 'dal governo prime risposte, ma si farà riforma di lungo periodo'-Omofobia: Letta, 'noi ce l'abbiamo messa tutta, dialogo ci è stato negato'-Bce: Lagarde, 'continua forte ripresa Eurozona, ma slancio rallentato'-Bce: Lagarde, 'inflazione aumenterà ancora poi calo in 2022'-Omofobia: Letta, 'alle elezioni italiani diranno se Italia deve essere come la Polonia'-Manovra: Letta, 'soddisfatti, parole chiave sono nel nostro Dna-Governo: Letta, 'elezioni anticipate? Priorità è uscire da pandemia''-**Omofobia: Letta, 'reazione sguaiata Iv la dice lunga, hanno qualcosa da nascondere'**-**Paralimpiadi: Pechino 2022, Giacomo Bertagnolli sarà il portabandiera azzurro**-Omofobia: Letta, 'Italia allineata a Polonia e Ungheria, orgoglioso di stare dall'altra parte'-Omofobia: Letta, 'voto segreto una forzatura, non aveva senso'-Paralimpiadi: Pancalli, 'Bertagnoli campione straordinario, rappresenta presente e futuro Cip'

Referendum: Quagliariello, ‘correttivi non urgenti ma assolutamente necessari’

Condividi questo articolo:

Roma, 26 set. (Adnkronos) – Di fronte al proliferare delle richieste di referendum, anche grazie all’utilizzo della firma digitale, occorre pensare sicuramente a dei correttivi, anche se il problema non è urgente. Lo dice all’Adnkronos il senatore Gaetano Quagliariello, già ministro delle Riforme e vicepresidente di Coraggio Italia. “Bisogna distinguere -spiega- il problema contingente da quello strutturale: sono stati promossi alcuni referendum, facilitati dalla firma digitale, uno può essere d’accordo o meno sulle richieste referendarie, ma il problema non esiste, si devono fare. Tuttavia la finestra elettorale si chiude tra breve per la fine della legislatura, quindi nell’immediato non vedo un rischio eccessivo”.

“Da un punto di vista strutturale dobbiamo decidere se vogliamo diventare una democrazia mista, referendaria e rappresentativa, oppure no. Sotto questo aspetto -rimarca Quagliariello- è assolutamente chiara la volontà del Costituente, che ha concepito il referendum come un importante strumento di integrazione e non concorrente della volontà popolare, che si esprime attraverso le elezioni e gli strumenti della democrazia rappresentativa”. “E’ altrettanto evidente -prosegue l’ex ministro delle Riforme- che 500mila firme raccolte nel ’46, in un Paese di tipo agricolo, soltanto nelle segreterie comunali, ne valgono 5 milioni raccolte con lo spid a voler essere generosi. Questa questione deve risolta attraverso una modifica, anche non urgente, della legge sul referendum, che richiede una serie di correttivi”.

“Innanzi tutto, come detto, l’innalzamento del numero di firme, certo non 5 milioni, ma almeno un po’ superiore rispetto a quello previsto attualmente; il secondo, la necessità di un parere preventivo della Corte costituzionale che dica se il quesito è ammissibile o meno prima di raccogliere le firme; infine, una scheda compilata dal promotori, perchè chiariscano bene l’oggetto del referendum in modo che il cittadino si esprima su qualcosa di chiaro”. “Mi sembrano -conclude Quagliariello- proposte non punitive, per garantire un equilibrio di sistema, rispettare l’utilizzo degli strumenti con i quali si esprime la volontà popolare ed evitare che l’attività principale della Corte costituzionale diventi il giudizio di ammissibilità dei referendum”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net