ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Grappa: aumenta domanda prodotti premium e invecchiati, export +32% tra 2019 e 2022-Chiari (Cameo): "Parità genere centrale, dopo certificazione puntiamo a nostro Manifesto"-Imprese: Epar, contributo a fondo perduto per Academy aziendali anche per pmi-Cida, il 28 febbraio open day per petizione 'Salviamo il ceto medio'-Vino: Suavia, con 'I luoghi' il racconto di una famiglia e della sua terra-'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"

Qatar 2022: Pizzul, ‘Mondiali difficili per polemiche, ma tecnicamente direi accettabili’

Condividi questo articolo:

Roma, 26 nov. (Adnkronos) – “Sono Mondiali difficili per le situazioni extratecniche, ci sono state polemiche fin dall’assegnazione al Qatar dei Mondiali, caratterizzata da un’importanza eccessiva dei risvolti economici, e si è passati sopra certe esigenze di carattere etico, morale e sociale. D’altra parte, nel momento in cui cerchi, e non è facile, di parlare esclusivamente dei risultati e di tecnica calcistica, direi che sono anche accettabili”. E’ l’opinione all’Adnkronos del re dei cronisti sportivi Bruno Pizzul che, interpellato sui Mondiali in corso in Qatar, fa un’analisi a 360 gradi.

A partire dalle presenze negli stadi, su cui sono piovute critiche relative alla scarsa presenza di tifosi o alla presenza di tifosi ‘fake’ che sarebbero stati assoldati dai qatarioti. “Noi italiani, che critichiamo, dobbiamo fare qualche considerazione dal punto di vista della presenza negli stadi: gli stadi sono sempre pieni -scandisce Pizzul- Qualcuno dice che li riempiono in modo artificiale: ma io inviterei tutti a non dimenticare che quando abbiamo fatto i Mondiali in Italia, che siamo un Paese calcisticamente evoluto, io ho fatto delle partite a Verona o a Udine dove c’erano presenti 300 persone. Quindi quando andiamo a sindacare gli altri, ricordiamoci che noi non siamo immuni da errori”.

La mancanza dell’Italia “dispiace, ma lo sport in genere e il calcio in particolare valgono solo in quanto trasmettono emozioni, e le emozioni non sono necessariamente e soltanto positive, possono essere anche negative. E il dispiacere che non ci sia l’Italia è bilanciato dalla presenza di squadre molto gradevoli”, scandisce il noto cronista. E ammette che fare un pronostico non è facile: “Pronostico? E’ difficile, ma ci sono squadre molto molto interessanti. La Spagna, ad esempio, che però poi ha dei problemi interni, e la stessa Inghilterra che io terrei in grande considerazione. Però poi succedono delle cose che sono assolutamente impreviste, e per una serie di circostanze particolari, anche cronologiche, come il fatto che siamo in inverno, possono succedere cose incredibili”, conclude Pizzul.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net