ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid: Marcucci, ''Ioapro' non rappresenta ristoratori'-Comunali: per Letta primarie 'via maestra', a Roma Calenda non ci sta/Adnkronos (2)-Scrittori: è morto di Covid il poeta spagnolo Justo Jorge Padron-Ancora chiusure per la ristorazione, Arcs 'le nostre vite contano'-Farmaci, Altroconsumo: consegne a domicilio funzionano, ma chiarezza norme-Giornalisti: motivazioni archiviazione Leoni, 'no elementi su diffusione numero giudice Bologna'-Spazio: Argotec al lavoro su primo 'telefonino' per comunicazioni Luna-Terra-Calcio: Tavecchio, 'Europei grazie a nostra attività diplomatica, sarebbe un guaio perderli'-**Pd: Occhiuto, 'con ius soli e ddl Zan Letta dichiara guerra a Governo'**-Ricerca: Casellati, 'Carrozza assoluta eccellenza, darà slancio a settore strategico'-Covid: Tajani, 'positivo incontro con segretario Confsal'-Pd: Schifani, 'Paese in difficoltà, imprudente spingere su temi divisivi'-Covid: sindaco Lampedusa a Bonaccini, 'nessun privilegio, qui neppure l'ospedale'-Covid: M5s Ars, 'vertici sanità in commissione? bene purché non sia farsa'-Pd: Maraio, 'bene Letta, centrosinistra vince se inclusivo'-Palermo: confermato stato di agitazione lavoratori Amat, 'presto sarà sciopero'-Banche: Civibank si trasforma in Spa, punta a espansione nel Nordest-Covid: positivo dipendente, chiusi uffici assessorato Scuola a Palermo-Covid: Musumeci, 'no a isole covid-free? Ci allineeremo a decisioni Roma'-**Roma: Montesano, 'gaffe Raggi su Colosseo? Siamo alla farsa, aridatece Petroselli!'**

**Pd: la ‘maledizione’ del segretario, tutti dimissionari da Veltroni a Zingaretti**

Condividi questo articolo:

Roma, 5 mar (Adnkronos) – Il primo è stato Walter Veltroni, nel 2009: dimissioni dopo la sconfitta alle regionali in Sardegna con atto di accusa durissimo nei confronti delle correnti. Da allora si è capito che quello di segretario del Pd è un mestiere difficile, che non contempla l’esaurimento del mandato. Perché la ‘sorte’ del primo leader è toccata a tutti gli altri, tutti dimissionari fino a Nicola Zingaretti.

Tornando indietro nel tempo, ha lasciato anzitempo l’ufficio del Nazareno Pier Luigi Bersani, nel 2013, dopo il drammatico epilogo della scelta del candidato per il Quirinale, l’assemblea del Quirinetta, i 101 e la bocciatura di Romano Prodi e Franco Marini. Stessa sorte per Matteo Renzi, che detiene un piccolo record: due volte segretario e due volte dimissionario. La prima volta nel 2017, anche quella volta sulla scia delle polemiche con l’allora minoranza. Poi nel 2018, in seguito alla tsunami provocato dal referendum istituzionale che travolse anche il suo governo.

Il tutto fino all’addio di queste ore di Zingaretti. Alla fine, a portare al termine il mandato ricevuto sono stati solo i segretari dem eletti in Assemblea dopo gli addii dei vincitori delle primarie: Dario Franceschini, che raccolse il testimone da Veltroni; Guglielmo Epifani, che fece staffetta con Bersani; Maurizio Martina, che gestì il post Renzi.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net