ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid: Musumeci, 'no a isole covid-free? Ci allineeremo a decisioni Roma'-**Roma: Montesano, 'gaffe Raggi su Colosseo? Siamo alla farsa, aridatece Petroselli!'**-Latte, Dolomites Milk: a Bolzano 25 assunzioni grazie a contratto sviluppo con Invitalia-**Calcio: Vaia, 'De Rossi e la moglie di Inzaghi stanno bene, presto a casa'**-Calcio: Vaia, 'si può aprire l'Olimpico al pubblico, spero che politica decida per il sì'-Pd: domani segreteria alle 9, a odg decreto imprese e dl sostegni-Covid: Musumeci, 'Razza tra i migliori assessori alla Salute degli ultimi 75 anni'-Covid: Musumeci, 'negozianti costretti a chiudere e poi vedono folla per strade e scoppia rabbia'-**Pd: Letta, 'centrosinistra vince quando fa coalizioni'**-Covid: Balneari, 'domani in piazza per chiedere al governo data certa apertura stagione estiva'-**Pd: Letta, 'avanti con battaglia su Ius Soli e ddl Zan'**-**Covid: Musumeci, 'per i commercianti 250 milioni, aspettiamo disco verde da Roma'**-**Governo: verso deleghe a viceministri domani in Cdm, attesa per nomine Agenzie fiscali**-Scuola: è boom di 'study room', per fare i compiti insieme a distanza-Pd: Letta, 'iscritti cuore partito, saranno loro a decidere su grandi questioni'-**Pd: Letta, 'per me giovani ossessione, se non li riporto nel partito avrò fallito'**-Covid: Musumeci, 'ritardi nei vaccini? Perché negli anziani c'è la psicosi'-Giornalisti: Napolitano, 'Sallusti condannato per avermi diffamato, risarcimento in beneficenza'-Covid: Musumeci, 'in Sicilia procederemo le vaccinazioni per dati anagrafici'-Comunali: Letta, 'primarie via maestra, no accordi in segrete stanze ma partecipazione'

Nuovo Dpcm, Cosmetica Italia: “Chiusura parrucchieri preoccupa”

Condividi questo articolo:

Roma, 27 feb. (Adnkronos) – “C’è forte preoccupazione per l’ipotesi di una nuova chiusura dei saloni di acconciatura. Secondo la bozza del nuovo dpcm che sta circolando in queste ore la misura è inclusa tra i nuovi provvedimenti in fase di valutazione da parte del Governo per limitare il diffondersi del contagio”. E’ quanto scrive in una nota Cosmetica Italia, Associazione nazionale imprese cosmetiche, in relazione al contenuto della bozza del nuovo Dpcm.

“Con sorpresa – commenta il presidente Renato Ancorotti – apprendiamo l’intenzione di compiere un passo indietro rispetto alla decisione che ha portato, il 18 maggio del 2020, a riaprire i saloni di acconciatura e i centri estetici”.

“Questi esercizi, infatti, sono stati considerati sicuri in quanto non presentano rischi di assembramento grazie al contingentamento degli ingressi, fissati su appuntamento, e all’implementazione dei severi protocolli e delle misure igienico-sanitarie anti-contagio, a completamento di altrettanto rigorose norme già abitualmente applicate a tutela della salute e della sicurezza di operatori e di clienti. Auspichiamo quindi un ripensamento del governo in vista della stesura del testo definitivo del dpcm che entrerà in vigore il prossimo 6 marzo”, dice ancora il presidente di Cosmetica Italia.

“Come associazione riteniamo che questa ipotesi vada riconsiderata: alla già nota penalizzazione dei centri estetici, si aggiungerebbe quella degli acconciatori, con la conseguente riduzione dei presidi di igiene personale per la popolazione. Se non si intendono riaprire i saloni di estetica anche in zona rossa, come invece sarebbe giusto, almeno non si colpisca senza motivo chi ha garantito per mesi un servizio essenziale nel rispetto massimo delle norme di sicurezza contro la diffusione del virus”.

“La ventilata misura – continua la nota dell’associazione – che sbarrerebbe le porte dei saloni di acconciatura nelle zone rosse, sarebbe un ulteriore colpo per la seconda categoria artigianale del nostro Paese (dati Unioncamere). Queste attività, che faticosamente sono ripartite dopo i tre mesi di lockdown della scorsa primavera, rappresentano un tessuto di 95mila piccole imprese, per lo più a conduzione familiare, che rischiano di andare incontro a una chiusura definitiva. Tra le conseguenze – elenca Cosmetica Italia – oltre a una significativa ricaduta economica e occupazionale sui canali professionali, che hanno perso in media il 29% rispetto al 2019, anche il rischio di favorire la nascita e la diffusione di lavoro nero a domicilio senza controlli né misure di sicurezza, incrementando in modo esponenziale il pericolo di contagio che le misure vorrebbero evitare. Più in generale, l’attività di acconciatori e centri estetici genera un volume di affari che supera i 6 miliardi di euro e impiega oltre 263.000 addetti in un totale di 130.000 saloni”.

“La responsabilità dimostrata dagli attori del comparto dalla riapertura ad oggi – aggiunge quindi il presidente Ancorotti – ha saputo coniugare la necessità di ripartire con la tutela della salute e la richiesta di benessere dei cittadini, espressa tramite un diffuso bisogno di questi servizi, oltre alla riduzione degli impatti sociali. Gli operatori del settore hanno saputo rispettare con etica e attenzione i rigidi protocolli di sicurezza a favore della comunità, tanto che i clienti stessi hanno premiato l’impegno del settore tornando a usufruire di questi servizi alla persona”, dice ancora il presidente Ancorotti che conclude: “Alla luce dei dati e delle considerazioni esposte e della natura ancora non dispositiva della bozza, chiediamo con forza che saloni di acconciatura e centri estetici possano rimanere aperti nelle zone rosse”.

Questo articolo è stato letto 3 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net