ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid: in Lombardia 2.813 nuovi casi, 25 i morti-**Pd: i tre pilastri, il fondo anti-Nimby e la 194, il programma elettorale dem**-Piero Angela: Grasso, 'divulgatore eccezionale, uomo davvero unico. Mancherà'-Scienziati anti catastrofisti sfidano i promotori dell'Appello sul Clima: "Pubblico confronto"-Piero Angela: Jovanotti, 'amico di curiosi e menti aperte e divulgatore di cose belle'-Piero Angela: Salvini, 'un grande italiano'-Piero Angela: Fiano (Pd), 'da lui straordinario modo di raccontare l’Italia attraverso la tv'-Piero Angela: Berlusconi, 'rappresentava un modo di fare televisione sempre apprezzato'-Milano: titolare minimarket rapinato e picchiato da due ragazzi-Elezioni: Letta cita Andreatta e la logica della cattedrale da costruire-Piero Angela: Letta, 'Paese più povero, entrava nelle case di ognuno e scattava una scintilla'-Elezioni: Letta, 'abbiamo 40 giorni da scandire con impegno e passione'-Elezioni: Letta, 'senza spirito unitario tutto sarebbe inutile'-**Pd: Direzione approva all'unanimità programma elettorale'**-Elezioni: Letta, 'su collegi ad alleati serve uno sforzo per progetto non di nicchia'-Piero Angela: Mattarella, 'ha segnato la storia della Tv avvicinando pubblico ampio'-Elezioni: Letta, 'nostro programma fatto con passione, non dalla McKinsey'-Piero Angela: Prodi, 'uomo di grande cultura che ha saputo raggiungere tutti'-Piero Angela: Renzi, 'gratitudine per tutto ciò che ci hai insegnato'-Elezioni: Calenda, 'da Letta e Berlusconi show senza serietà'

Nuoto: Mondiali, 10 km da sogno per l’Italia, Paltrinieri oro e Acerenza argento

Condividi questo articolo:

Budapest, 29 giu. – (Adnkronos) – Una dieci chilometri da sogno regala all’Italia l’ennesima prova che tra i giganti ci siamo noi. Più forte di tutto, del caldo torrido (36 gradi, 28 in acqua), della stanchezza e della fatica dopo dieci giorni di gara tra piscinia e acque libere, Gregorio Paltrinieri si mette la corazza d’acciaio e sale sul tetto del mondo nella prova olimpica del Lupa Lake di Budapest fregiandosi, dopo quello nei 1500 stile libero in piscina, anche del titolo iridato più importante nel fondo come mai nella storia azzurra al maschile considerato che l’unica medaglia fu quel bronzo di Marco Formentini nel 2001 a Fukuoka. L’oro nella dieci chilometri lo vinse solo Viola Valli nella storica doppia doppia tra 2001 e 2003.

E’ la quarta medaglia qui dell’immenso olimpionico ventottenne carpigiano che aveva iniziato dieci giorni fa in piscina con le batterie degli 800 stile libero (quarto), ma poi aveva alzato la voce gridando al mondo che il Re era tornato nei 1500 stile libero; la staffetta 4×1.5 km (bronzo) per aprire una tre giorni da favola condita dall’argento nella 5 km e l’ennesima impresa di un’atleta no limits che solo tre anni fa si affacciava per la prima volta su questa distanza a Gwangju (sesto).

Il bronzo olimpico a Tokyo chiude in 1h50′”56″8. Insieme a lui il compagno di allenamenti nel gruppo di Fabrizio Antonelli, Domenico Acerenza, già bronzo in staffetta e quarto nella 5 km. Il ventisettenne potentino (1h50’58″2) conquista il primo metallo individuale dopo l’argento a Gwangju e il bronzo qui in staffetta. Una doppietta da sogno come mai nella storia della disciplina.

Schiantati tutti i favoriti della vigilia: un’azione repentina a un chilometro dalla fine, iniziata proprio davanti alla spiaggetta che consacrò poi Supergreg campione europeo lo scorso anno. Il tandem azzurro non lasciava speranza agli avversari, dimostrando coesione, determinazione e gioco di squadra. Il campione olimpico e mondiale in carica della distanza Florian Welbrock, peraltro supervaforito alla vigilia dopo aver vinto due ori qui nella 5 km e in staffetta, è terzo e staccato in 1h51’11″2 dopo una gara tutta in testa. Battuto allo sprint anche l’altro favorito francese Marc Antoine Olivier, ventiseienne francese argento mondiale uscente (1h51’11″5). Romanchuck, già terzo nella 5 km, è sesto a quarantaquattro secondi. Fuori a metà gara il vecampione olimpico Kristóf Rasovszky, qui argento in staffetta il primo giorno, e poi modesto nono nella 5 km. L’eroe magiaro alza le braccia sfiancato dal gran caldo e dalla fatica accumulata dei primi due giorni di gara.

“E’ un sogno. Primo e secondo è la cosa più bella che potesse succedere. Quando sono partito sentivo che dietro di me c’era lui e non Wellbrock – afferma il portacolori di Fiamme Oro e Coopernuoto, tricampione europeo lo scorso anno qui. Mimmo lo sento da come mi tocca i piedi, mi ha fatto da scudiero e lo ringrazio. La strategia era quella di lasciarlo andare, che mi trasportasse verso un finale dove avrei potuto attaccarlo e sfiancarlo partendo da lontano; ho bevuto tantissimo e poi l’ultimo 1500 ho tirato a bestia partendo sul mio sul mio lato favorito. Siamo grandi amici con Acerenza, ci siamo allenati tanto tempo insieme ad Ostia quest’anno. Torno con quattro medaglie che è quasi il bottino completo; ho iniziato questa stagione post olimpica bene, allenandomi a dovere e ho dimostrato a me stesso che potevo far bene. All’inizio di questa nuova avventura ti vengono sempre mille preoccupazioni soprattutto dopo gli 800 in piscina. Li mi sono scoraggiato e ho pensavo tornassi a casa senza nulla. E invece è stata la scintilla, perché mi serviva rompere il ghiaccio per iniziare una cavalcata avvincente”.

Gli occhi del sud, del sacrificio, della determinazione per Domenico Acerenza che si conferma a livello mondiale dopo il bronzo in staffetta e il quarto posto nella 5 chilometri: “Sono al settimo cielo, ho lavorato per questo, l’ho sognato, non svegliatemi se è un sogno! In gara ero super tranquillo, nuotavo bene, sciolto. Abbiamo rallentato un pò ad un certo punto, ma sentivo di avere energie. Ho controllato bene e alla fine ce l’ho messa tutta. Gregorio era partito, imprendibile, ma sono felicissimo. Siamo tutti e due superdeterminati e orgogliosi. Con Gregorio ogni allenamento è una gara. Siamo amici nella vita e ci fediamo l’uno dell’altro. Il risultato è frutto anche di questo” afferma raggiuante il ventottenne potentino tesserato Fiamme oro / CC Napoli che fu addirittura terzo nei 1500 stile libero qui in vasca lo scorso anno che chiude: “La dedico alla mia famiglia e alla mia futura moglie che sono qua. Adesso però non ci fermiamo, ci sono stati dei periodi altalenanti ma questo sport mi diverte da quando avevo sei anni e finché ho quello spirito continuerò a nuotare”.

Allenatore dell’anno 2021, Fabrizio Antonelli, già atleta della nazionale di nuoto di fondo dal 2005 al 2008, nonché mentore di Rachele Bruni argento olimpico a Rio 2016, dal 2020 prepara i due azzurri: “Si può aggiungere poco, sminuirebbe quello che i ragazzi hanno fatto. Un miracolo sportivo. Abbiamo sognato questa cosa e loro l’hanno resa reale. L’avevo sognata cosi. Chiunque abbia visto qualche gara di fondo sapeva che non potevamo giocarcela negli ultimi metri ed abbiamo lanciato una volata più lunga; è andata meglio di quanto pensassimo. La prova degli 800 ci ha permesso di fare delle valutazioni per sfruttare al meglio la condizione di Greg. Di lui non posso aggiungere altro. Non ci sono aggettivi. Domenico invece è un grande professionista che ogni giorno si vuole migliorare. Il testarsi continuativamente con Gregorio lo ha portato a questi risultati”.

Raggiante in attesa di una 25 km che chiuderà il programma iridato, il Responsabile tecnico Stefano Rubaudo saluta il bottino provvisorio con cinque medaglie e solo la 10 km femminile rimasta senza podi: “Incredibile, i ragazzi hanno fatto una cosa impensabile, loro da quando nuotano insieme provano a fare queste cose in allenamento, hanno portato il loro habitat qui. Quando ho visto Weelbrock quarto mi sono detto qui succede il finimondo. Una gara impeccabile. Siamo in continua crescita. Domani la 25 chilometri può riservarci altre soddisfazioni”.

Questo articolo è stato letto 1 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net