Mornati: ‘Servono soldi, governo non lo tratti come di serie C’

Condividi questo articolo:

Roma, 11 mag. (Adnkronos) – “Il Covid ha dato colpo un terribile al mondo dello sport: squadre ferme da due stagioni agonistiche, la ginnastica che non funziona, piscine a spizzichi e bocconi di fatto hanno distrutto una generazione. Servono soldi”. Lo dice il segretario generale del Coni, Carlo Mornati, intervenuto a “Lo sport al centro della ripartenza del Paese – Ipotesi e prospettive per una rivoluzione culturale”, webinar promosso da Asi Associazioni Sportive e Sociali Italiane in collaborazione con Adnkronos Comunicazione e Ciwas, e trasmesso in diretta sul sito Adnkronos.

“Dal punto di vista sportivo -dice Mornati- la situazione è drammatica, da quello della socialità c’è da dire che lo sport non esiste a scuola: il problema è a livello legislativo. Quando Cozzoli dice che deve essere un diritto, io dico che deve anche essere un obbligo, e la socialità ne sarebbe la conseguenza diretta”. Il settore “mette un miliardo e mezzo di contribuzione fiscale: parlare di due mld è parlare di nulla, vuol dire che il governo mette lo sport in serie C. Serve dare una boccata d’ossigeno, e dopo possiamo parlare di libro dei sogni altrimenti siamo proprio morti. Il governo -conclude Mornati- si impegni in prima persona come sta facendo su tanti altri tavoli, lo sport rientri a pieno diritto in uno dei settori strategici”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net