Mafia: sindaco Cinisi, ‘arresto figlio Badalamenti, mai abbassare la guardia’

Condividi questo articolo:

Palermo, 5 ago. (Adnkronos) – “La vicenda di Leonardo Badalamenti è un monito per tutti: in Sicilia non bisogna abbassare la guardia, anche contro linguaggi e comportamenti”. Lo afferma Giangiacomo Palazzolo, sindaco di Cinisi (Palermo) e responsabile nazionale legalità di Azione commentando l’arresto da parte della Dia di Palermo di Leonardo Badalamenti figlio del boss Gaetano.

Venerdì scorso, il figlio di don Tano si è reso protagonista “di un eclatante raid in una villa onfiscata al padre, morto nel 2004, e affidata al Comune di Cinisi”: “Mi sono dovuto misurare come primo cittadino con un atteggiamento violento e fuori da ogni regola, sembrava uno di quei film dove ad un certo punto i boss tornano dall’estero e dicono ‘adesso ci riprendiamo quello che è nostro’. Mi sono opposto con forza e grazie all’intervento dei carabinieri abbiamo fermato questa prevaricazione che aveva anche la pretesa di essere fatta in nome della legge”.

“Non è mio costume commentare gli arresti – continua Palazzolo – tuttavia credo sia importante sottolineare che in Sicilia non ci possiamo permettere leggerezze e tolleranza rispetto a certi comportamenti. Non possiamo abbassare la guardia, dobbiamo combattere la criminalità ma anche atteggiamenti e comportamenti violenti, prepotenti e intimidatori che sono espressione di una cultura mafiosa che purtroppo è dura a morire”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net