ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Iran: figli scienziato ucciso, ‘gli avevano detto di non muoversi quel giorno’

Condividi questo articolo:

Teheran, 5 dic. (Adnkronos) – “E’ stato proprio come in una guerra”. Queste le parole usate dai figli dello scienziato nucleare iraniano, Mohsen Fakhrizadeh, per descrivere l’attentato in cui la scorsa settimana è rimasto ucciso il padre non lontano da Teheran.

“Mio padre è stato colpito quattro, cinque volte con armi da fuoco”, ha dichiarato uno dei figli in un’intervista alla tv di Stato ‘Irib’, spiegando che la squadra responsabile della sicurezza di Fakhrizadeh aveva consigliato allo scienziato di non muoversi quel giorno. Nonostante l’avviso, Fakhrizadeh aveva comunque deciso di partecipare a un incontro.

Le dichiarazione dei due figli, che non sarebbero stati testimoni diretti dell’omicidio, sembrano contraddire la ricostruzione delle autorità iraniane, secondo le quali lo scienziato sarebbe stato ucciso da un’arma azionata a distanza via satellite.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net