ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Latte, Dolomites Milk: a Bolzano 25 assunzioni grazie a contratto sviluppo con Invitalia-**Calcio: Vaia, 'De Rossi e la moglie di Inzaghi stanno bene, presto a casa'**-Calcio: Vaia, 'si può aprire l'Olimpico al pubblico, spero che politica decida per il sì'-Pd: domani segreteria alle 9, a odg decreto imprese e dl sostegni-Covid: Musumeci, 'Razza tra i migliori assessori alla Salute degli ultimi 75 anni'-Covid: Musumeci, 'negozianti costretti a chiudere e poi vedono folla per strade e scoppia rabbia'-**Pd: Letta, 'centrosinistra vince quando fa coalizioni'**-Covid: Balneari, 'domani in piazza per chiedere al governo data certa apertura stagione estiva'-**Pd: Letta, 'avanti con battaglia su Ius Soli e ddl Zan'**-**Covid: Musumeci, 'per i commercianti 250 milioni, aspettiamo disco verde da Roma'**-**Governo: verso deleghe a viceministri domani in Cdm, attesa per nomine Agenzie fiscali**-Scuola: è boom di 'study room', per fare i compiti insieme a distanza-Pd: Letta, 'iscritti cuore partito, saranno loro a decidere su grandi questioni'-**Pd: Letta, 'per me giovani ossessione, se non li riporto nel partito avrò fallito'**-Covid: Musumeci, 'ritardi nei vaccini? Perché negli anziani c'è la psicosi'-Giornalisti: Napolitano, 'Sallusti condannato per avermi diffamato, risarcimento in beneficenza'-Covid: Musumeci, 'in Sicilia procederemo le vaccinazioni per dati anagrafici'-Comunali: Letta, 'primarie via maestra, no accordi in segrete stanze ma partecipazione'-Covid: Meloni, 'Stato usi forza per aiutare non per fermare ristoratori'-Pd: Letta, 'appena possibile girerò Italia, partito non è solo il Nazareno'

Gregoretti: domani udienza Salvini a Catania, gup deciderà su testimonianza Palamara

Condividi questo articolo:

Palermo, 4 mar. (Adnkronos) – Nuova udienza preliminare, domani mattina, nell’aula bunker del carcere Bicocca di Catania, a carico dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini, imputato per sequestro di persona per la vicenda della nave Gregoretti. Il giudice per le udienze preliminari Nunzio Sarpietro dovrà decidere se accogliere la richiesta delle parti civili di ascoltare in aula, come testimone, l’ex Presidente dell’Anm Luca Palamara. Oggi le parti civili, tra cui Legambiente, Arci e l’associazione AccoglieRete, hanno depositato la richiesta formale anticipata nella scorsa udienza. I legali chiedono di ascoltare Palamara “autorevole figura di snodo istituzionale tra Csm, Anm, Presidenza della Repubblica e figure politiche e di governo di primo piano” per “fare chiarezza” su “uno spazio grigio, una preoccupante zona d’ombra” in “ragione dell’importanza del presente giudizio” e “del clima nel quale si sono consumate le fasi del procedimento”. A presentarla oggi l’avvocato Corrado Giuliano, di legale dell’associazione AccoglieRete.

Sempre domani sarà ascoltato, al bunker, l’ambasciatore Maurizio Massari, in qualità di rappresentante permanente dell’Italia all’Unione Europea. L’ex ministro dell’Interno sarà presente a Catania, come ha fatto in ogni udienza con il suo legale, l’avvocato Giulia Bongiorno. Le parti civili insistono, inoltre, sul rinvio a giudizio del leader della Lega. Mentre l’accusa ha chiesto “una sentenza di non luogo a procedere. I legali hanno depositato una memoria difensiva.

l leader leghista, arriva di fronte al gup Sarpietro, per la quinta udienza, dopo la richiesta di giudizio fatta dal Tribunale dei ministri di Catania, richiesta che ha ottenuto il via libera del Senato il 12 febbraio di un anno fa. L’accusa formulata è quella di aver “abusato dei suoi poteri privando della libertà personale 131 migranti a bordo dell’unità navale Gregoretti della guardia costiera italiana dalle 00:35 del 27 luglio 2019 fino al pomeriggio del 31 luglio”, quando fu disposta l’autorizzazione allo sbarco nel porto di Augusta, nell’ambito di un accordo per la distribuzione dei migranti in altri cinque paesi Ue.

Questo articolo è stato letto 6 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net