Dl ristori: Conte, ‘possiamo chiamarli anche indennizzi, risorse per 5,4 mld disponibili’

Condividi questo articolo:

Roma, 28 ott. (Adnkronos) – Il decreto Ristori contiene “interventi, possiamo chiamarli anche indennizzi, per 5,4 miliardi in termini di indebitamento netto. Tra questi, vi è un contributo a fondo perduto rivolto alle attività maggiormente colpite dalle nuove restrizioni e le imprese dei settori oggetto delle nuove restrizioni riceveranno un ristoro con la stessa procedura già utilizzata dall’Agenzia delle entrate, in relazione ai contributi previsti dal decreto ‘Rilancio'”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, rispondendo nell’Aula della Camera a un question time di Fdi sul dl ristori.

“L’entità degli importi corrisposti varierà dal 100% al 400% di quanto previsto in precedenza con il decreto Rilancio, in funzione del danno economico subito dalle categorie”. Il dl, ricorda inoltre il premier, finanzia “ulteriori 6 settimane di cassa integrazione per i lavoratori delle attività interessate dalle restrizioni, nonché indennità specifiche per i lavoratori autonomi e intermittenti del mondo dello spettacolo, del turismo e dello sport”.

Questo articolo è stato letto 4 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net