ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Covid: bozza dl, pass verde vale 6 mesi per guariti e vaccinati, 48 ore con test-**Grillo: Marcucci, 'Conte? Lascia perplessi, nessuna vera presa di distanza di M5S'**-Grillo: Provenzano, 'aberrante, ma alleanza con M5s dipende da evoluzione con Conte'-**Sky: Ibarra si dimette, lascerà a fine luglio**-Covid: bozza dl, dal 1/7 in zona gialla ok terme, parchi tematici e lunapark-Covid: bozza dl, da 1/7 in zona gialla tornano fiere, convegni e congressi (2)-Covid: bozza dl, previste sanzioni per chi falsifica pass verde, anche carcere-Roma: Zevi, 'le mie tre proposte per le primarie del centrosinistra'-Covid: bozza dl, scuola torna in presenza, superiori al 50% no deroghe da Regioni-Covid: bozza dl, deroghe a scuola in presenza solo per focolai virus-Covid: bozza dl, flessibilità per scuola, in zone gialle e arancione minimo 60% in presenza-Diritto autore: Siae, la direttiva copyright entra nell’ordinamento italiano-Ue: Stefano, 'legge delegazione in linea con obiettivi Next Generation Eu'-Covid: bozza dl, da 1/6 in zona gialla ristoranti anche al chiuso, consumo al tavolo fino alle 18-Covid: bozza dl, dal 26/4 in zona gialla torna calcetto, ok sport contatto ma no spogliatoi-Covid: bozza dl, in zona gialla da 15/5 piscine all'aperto, da 1/6 tornano palestre-Covid: bozza dl, dal 26/4 in zona gialla teatri, cinema e concerti-Calcio: Juventus, Bernardeschi guarito dal covid-Covid: bozza dl, da 1/7 in zona gialla tornano fiere, convegni e congressi-Vaccini Covid e trombosi rare, ecco i casi per ogni prodotto

Carceri: Capece (Sappe), ‘manca coordinamento fra regioni su vaccini, paura su AstraZeneca’

Condividi questo articolo:

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – “Mancanza di coordinamento e forti differenze fra le regioni sulle vaccinazioni di detenuti e personale penitenziario”. Vaccinazioni di massa in alcune carceri “come questa mattina a Foggia di tutti i detenuti, mentre la polizia penitenziaria resta al palo”. Ritrosia del personale delle carceri ad essere vaccinato con AstraZeneca, “il 20-30% non lo vuole. Ha paura degli effetti collaterali”. Estremi di mal-practice in regioni come “il Molise che contesto perché nonostante le sollecitazioni nostre e del Garante nazionale dei detenuti ancora non ha fatto nessuna vaccinazione”. E’ il quadro a macchia di leopardo dipinto all’Adnkronos da Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria.

Capace riferisce: “La prassi è vaccinare in genere prima i detenuti, poi gli agenti. Avrei preferito che le cose procedessero di pari passo dato che il personale potrebbe portare il contagio in carcere, vivendo all’esterno. Comunque, nonostante i ritardi e casi come quello di Carinola, in provincia di Caserta, il mese scorso, in cui a causa di un focolaio scoppiato in carcere sono morti tre agenti cinquantenni, tra il personale sono pochi i contagiati”.

“Noi abbiamo già scritto all’Amministrazione penitenziaria di provvedere con urgenza alla vaccinazione a tappeto nelle carceri e chiesto se possibile – conclude – di somministrare Pfizer a chi non vuole AstraZeneca. Infine, dobbiamo scuotere l’Amministrazione affinché le vaccinazioni vengano effettuate in carcere attraverso i medici Sias e non negli hub esterni”.

(di Roberta Lanzara)

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net