Ancora chiusure per la ristorazione, Arcs ‘le nostre vite contano’

Condividi questo articolo:

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – Le misure decise dal Governo per contrastare l’emergenza sanitaria continuano a pesare sul comparto della ristorazione. Dopo i vari appelli per una riapertura in tutta sicurezza, Arcs (Associazione Ristoranti Centro Storico di Roma) torna di nuovo a farsi sentire per tutelare un settore –vera e propria eccellenza italiana – che continua a dover fare i conti con chiusure, restrizioni e mancati Ristori. Già da tempo Aìrcs ha chiesto un tavolo di confronto con Governo e istituzioni per salvaguardare la ristorazione -ormai diventata una vera e propria impresa, con tutti i costi di gestione annessi- che rappresenta un PIL importante per l’Italia. I ristoratori aderenti all’Arcs, come ulteriore segno di protesta, hanno affisso fuori dai propri locali a Roma un manifesto evocativo ed emblematico sulla situazione, che recita:

“Articolo 1 costituzione: L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Le nostre vite contano, il nostro lavoro conta, il nostro amore per la città conta, la nostra buona tavola conta in Europa e nel mondo, le chiusure senza programmazione hanno messo in ginocchio la ristorazione, i pochi ristori non hanno avuto alcun valore, ora il rischio è la chiusura di tanti locali, ora vogliamo riaprire in sicurezza h24 perché le nostre vite contano”.

Questo articolo è stato letto 2 volte.
Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net