ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Pd: Ceccanti, 'Manifesto attuale, frammentazione incentiva populismo'-Qatar 2022: storico Marocco ai quarti di finale, Spagna battuta ai rigori 3-0-Pacifico (Anief): "Bene rinnovo contratto scuola, ora allineare indennità di vacanza contrattuale"-Un francobollo speciale celebra i 145 anni di Barilla tra cibo, arte e innovazione-Pd: democrazia e crisi partecipazione, Letta a lavori 'sottocomitato' costituente dem-Patuano (A2A): "Per transizione ecologica giusta salvaguardare nuove generazioni"-Qatar 2022: ottavi di finale, Marocco-Spagna 0-0 al 90', si va ai supplementari-Calderone: "Welfare aziendale strumento centrale per migliorare condizioni lavoratori"-Vaccini, ospedale Sacco punto di riferimento per l’area milanese-Pallavolo: Nations League, Stati Uniti e Polonia ospiteranno le Finali-Covid oggi Italia, pneumologo: "In questi giorni casi un po' più gravi"-Giustizia: Verini, 'da Nordio relazione deludente e contraddittoria'-Dl ministeri: Serracchiani, 'cambiano priorità, paese rischia di andare indietro'-Qatar 2022: Batistuta, 'ben venga se Messi batterà mio record'-Manovra, Oricon: serve fondo a sostegno ristorazione collettiva-Qatar 2022: Spagna, Busquets eguaglia record Casillas e Ramos con 17 presenze ai mondiali-Sport: 300.000 eventi l’anno e 7 mln e mezzo di tesserati, il peso dello sport di base in numeri-Ricerca, Anvur spinge su efficienza e qualità valutazione e celebra la 'Giornata Trasparenza'-Qatar 2022: ottavi di finale, Marocco-Spagna 0-0 alla fine del primo tempo-Autonomia, Emiliano: "Prima di maggiori poteri perequazione di diritti e doveri"

Energia dalle onde e protezione delle coste

Condividi questo articolo:

Le nuove turbine giapponesi oltre a produrre energia dalle maree difendono le coste dall’erosione

I ricercatori dell’Okinawa Institute of Science and Technology (OIST) in Giappone stanno lavorando per creare delle turbine speciali che, oltre a raccogliere energia dalle onde contemporaneamente proteggono le coste dall’erosione. Le turbine sono progettate per essere ancorate al livello del mare con cavi di ancoraggio vicini a tetrapodi (strutture di calcestruzzo a forma di stella progettate per ridurre l’erosione) o a barriere naturali come le barriere coralline. Queste strutture hanno enormi potenzialità per attenuare l’impatto di onde potenti sulle rive e catturare l’energia oceanica apparentemente infinita.

Lo sdoppiamento della funzione di queste turbine trae vantaggio dalle infrastrutture preesistenti in Giappone, visto che il 30% delle rive del mare del paese è coperto da tetrapodi e interruttori d’onda. Inoltre, utilizzando solo l’1% della riva del continente giapponese si possono generare circa 10 Gigawatt, un’energia equivalente a quella prodotta da 10 centrali nucleari. Numeri e possibilità incredibili, insomma.

Le turbine saranno progettate per stare in sicurezza, in tutta la filiera energetica, ma non solo, saranno progettate anche per la sicurezza della fauna marina – infatti, la velocità delle lame è calibrata e sia le lame che la struttura di supporto sono flessibili. Per ogni turbina si è stimata una durata di dieci anni prima della sostituzione, ma i creatori stanno pensando di fare ancora meglio nel futuro.

L’immagine che hanno raccontato di voler avere è quella del pianeta tra duecento anni dopo, con le turbine sulle spiagge giapponesi che ancora lavorano sodo e bene.
Staremo vedere. Noi o i nostri pronipoti, insomma.

Questo articolo è stato letto 291 volte.

energia, giappone, mare, onde, turbine

Comments (70)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net