ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
'Un concerto per le feste' all'Istituto Polacco di Roma-Libri: networking per costruire il futuro, esce 'Il Potere delle relazioni' di Marco Vigini-Ucraina, Architetti italiani 'in campo' con 'Design for Peace'-Design: Talenti compie 20 anni, outdoor made in Italy tra design e tecnologia-Subito, 2023 con incremento a doppia cifra fatturato rispetto al 2022 -Gallucci (Giovani Confindustria Fermo): "Il marketing a difesa del primato distretto calzatura Marche"-Mozzarella di bufala Dop: export oltre 40%, al via da Parigi tour di promozione-Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"-Milleproroghe, l'esperto: "Ecco come funzionano le nuove regole sul contratto a termine"-Vino, al via corso Onav Roma per assaggiatori - I livello-Fenimprese: ecco libro 'E' nata una stella', ricavato in beneficenza-Social, Udicon: influencer no, recensioni on line sì, ecco come italiani scelgono acquisti-Energia, Zullo (Miwa Energia): "Fine tutela, centrali trasparenza e attenzione per utente"-Professioni, Corrado Sassu: "L'agente immobiliare è l'investigatore privato di chi cerca casa"-Crollo Firenze, Cifa Italia: "Creare sistema di rating di qualità delle imprese"-Crollo Firenze, Panzarella (FenealUil): "Tavolo permanente su sicurezza, modello Giubileo per limiti a subappalto a cascata"-Tributaristi: "Sì aggiornamento professionale come garanzia e tutela utenza"-Mestieri: non solo scarpe, a lezione di creatività e imprenditorialità dal maestro calzolaio di Acilia-Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana-Crollo Firenze, ingegneri: "Subappalto a catena ostacolo all’attuazione del piano sicurezza"

Eolico, Togni (Anev) risponde a Sgarbi: siamo attenti al paesaggio nell’installazione

Condividi questo articolo:

Simone Togni non ci sta alle affermazioni di Sgarbi: Anev e le associazioni ambientaliste ci tengono alla difesa del territorio. Le installazioni delle pale eoliche sono vietate in zone di alto interesse paesaggistico

Eolico si o eolico no? Qualche giorno fa Vittorio Sgarbi, in un’intervista sulla questione Tav o non Tav, aveva detto che le pale eoliche rovinavano il paesaggio, deturpando e violentando il territorio in cui esse sono installate. A queste parole ha risposto, in un’intervista, Simone Togni, Presidente di Anev, Associazione nazionale energia del vento.  

Simone Togni, è vero che le pale eoliche danneggiano il paesaggio? Cosa risponde a Vittorio Sgarbi che ha affermato che le pale eoliche deturpano il territorio?

L’aspetto relativo al paesaggio è vero, le pale eoliche sono visibili a tutti. Ma come Associazione abbiamo un protocollo che evita l’installazione delle pale eoliche in aree a elevato livello di attenzione paesaggistica. L’osservazione di Vittorio Sgarbi è un’osservazione che possiamo dire di condividere, dal momento che anche noi facciamo attenzione al luogo e al sito dell’installazione. Ma Sgarbi pecca di incoerenza se ammette la costruzione del Tav e chiede che le pale eoliche non vengano installate. Tutte le opere di origine antropica deturpano e danneggiano il paesaggio e l’ambiente.

In realtà, oggi grazie ad Anev si può dire che l’impatto ambientale è limitato al tempo in cui è installata la pala eolica, ovvero 20 o 30 anni, poi vi è l’obbligo di ripristino del sito. Sgarbi dovrebbe saperlo essendo stato, fino a pochi giorni fa, Sindaco di un Comune, Salemi, in cui sono installate tante pale eoliche.

A livello ambientale, l’eolico è pericoloso per l’avifauna?

Noi di Anev abbiamo attivato, per la protezione dell’avifauna, un regolamento con Legambiente, Wwf e Greenpeace, che vieta l’installazione delle pale eoliche lungo i corridoi migratori. E per aver dati ancora più precisisi la nostra associazione, insieme a Legambiente, al Ministero dell’Ambiente, e specialisti di livello internazionale, ha dato vita all’Osservatorio Nazionale sull’avifauna e sui chirotteri, al fine di avere un protocollo che indichi una mappatura precisa delle vie di migrazione degli uccelli e dei siti, quindi, ove è possibile installare l’eolico. Vorrei anche aggiungere che, in termini percentuali, le pale eoliche rappresentano una percentuale infinitesimale nell’impatto che esse hanno nel danneggiare l’avifauna. Muoiono molti più uccelli a causa dell’impatto con palazzi e strutture e veicoli dell’autostrada.

(GC)

Questo articolo è stato letto 41 volte.

anev, eolico, eolico e impatto ambientale, eolico e paesaggio, impatto paesaggistico dell'eolico, togni risponde a Sgarbi, Vittorio Sgarbi

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net