ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Prandini (Coldiretti): "Sviluppo biogas e biometano fondamentale per modello circolare"-Governo: Conte ricorda uomini scorta, 'rimarranno vivi nei nostri cuori'-Giansanti (Confagricoltura), 'Ruolo centrale delle imprese agricole in 'Farming for future' per obiettivi green"-Diabete, da Medtronic sistema automatizzato per infusione insulina-Coronavirus: Salvini, 'cure a domicilio e farmaci che non piacciono a multinazionali'-Dl ristori: Salvini, 'prima di promettere altri soldi pagate quelli già dovuti'-Truffe, Igt: "Sospesi 4 dipendenti Lottomatica"-**Coronavirus: Salvini, 'italiani chiusi in casa e delinquenti liberi'**-Coronavirus: Salvini, 'di tutto per evitare lockdown'-Coronavirus: Salvini, 'problemi a Conte da maggioranza, vogliono rimpasto'-Francia: Salvini, 'altri contagi si diffondono, siamo francesi senza se e senza ma'-Cib lancia 'Farming for Future', roadmap per transizione agricoltura-Pirelli, automobilisti italiani sempre più attenti a pneumatici invernali e all season-Francia: deputato France Insoumise, 'si cerca di destabilizzare, serve unità del Paese'-Francia: deputato France Insoumise, 'si cerca di destabilizzare, serve unità del Paese' (2)-Aliplast e NextChem insieme per il riciclo delle plastiche-Graziano Verdi (Gruppo Italcer), 'innovazione e sostenibilità leve per ripartire in epoca Covid-19'-Coronavirus: Bonaccini, 'da sempre regioni possono stringere rispetto a Dcpm'-Eni: parte programma Human Knowledge in modalità Open di Joule, la scuola per l’Impresa-Eni: parte programma Human Knowledge in modalità Open di Joule, la scuola per l’Impresa (2)

Un tavolo riscaldato per combattere l’inverno

Condividi questo articolo:

Arriva dal Giappone Kotatsu, un tavolo con coperta e riscaldatore elettrico che diventa un «focolare» dove la famiglia si può riunire

In mancanza di riscaldamento e di un isolamento decente, molte delle case giapponesi sono luoghi impervi in cui affrontare il freddo invernale. Da questo disagio termico, nasce l’idea di Kotatsu, una brillante invenzione giapponese che nasce come evoluzione di un sistema di cottura del quattordicesimo secolo noto come irori che prevedeva un focolare al centro di una camera con il pavimento coperto di tatami. Nel corso del tempo, l’irori ha subito tante piccole migliorie per separare la sua funzione di cucina da quella di riscaldamento, fino ad arrivare al suo design moderno. Ad oggi, quel sistema è diventato un tavolo ibrido, fatto di un ripiano in legno, una coperta comoda (o un futon) e un riscaldatore elettrico che mantiene le persone al caldo nelle case piene di spifferi che sarebbero troppo costose da scaldare, distribuendo il calore dalle gambe degli utenti al loro collo – questo è il modo in cui è sempre stato progettato, al fine di integrare l’espansione del calore con l’abbigliamento tradizionale giapponese. 

Kotatsu crea un luogo speciale all’interno della casa, in cui la famiglia può riunirsi per mangiare, dormire, fare merenda o studiare al caldo, senza bisogno dei riscaldamenti. C’è un sacco di spazio tra il suolo e il tavolo per i sonnellini diurni, ma pare che i genitori giapponesi dissuadano i figli dal dormirci di notte: i bambini, infatti, potrebbero beccarsi un raffreddore dormendo sotto il Kotatsu di notte dal momento che i loro corpi non sarebbero equamente riscaldati, ma quello che più temono i genitori sono le possibili ustioni. 

C’è da aggiungere che non sono questi gli unici pericoli del Kotatsu: alcune delle più recenti rivisitazioni di questo oggetto di arredamento tradizionale incorporano plastica e altri materiali infiammabili, che probabilmente rappresentano la maggiore minaccia per la sicurezza, ma che non hanno in alcun modo fermato la diffusione di questa invenzione di arredo confortevole, pronta ad accoglierci come un nido.

E.C.

 

Questo articolo è stato letto 5 volte.

giappone, inverno, Kotatsu, riscaldamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net