ospedale container

Un ospedale in due giorni

Condividi questo articolo:

ospedale container

Broad Sustainable Buildings costruisce in tempi record un ospedale per i pazienti del Covid-19.

Ben prima di CURA, il progetto della Carlo Ratti Associati e del MIT Senseable City Lab, i container marittimi sono stati d’ispirazione di un’altra azienda: la Broad Sustainable Building.

Da molto tempo, la BROAD si occupa di progetti di questo tipo e, ovviamente, in questi tempi così difficili, non si è tirata indietro: ha sviluppato e costruito il suo personale ospedale fatto di container – il «Restackable COVID Hospital».

A differenza dell’altro centro sanitario, in questo caso i container vengono sfruttati in un’altra maniera: dopo il trasporto facilitato dalle dimensioni, infatti, vengono smontati per creare spazi più ampi.

Per capire come, basta guardare il video in timelapse dell’assemblaggio dell’ospedale di Mungyeong, in Corea del Sud.

L’Università Nazionale di Seoul ha firmato il contratto con il gruppo BROAD l’8 marzo. Il progetto chiavi in mano è stato consegnato meno di 30 giorni dopo la firma del contratto, mentre la costruzione è terminata in soli 2 giorni.

Una volta dotato di dispositivi medici e letti per malati, l’ospedale è stato e messo in funzione immediatamente, il 1° aprile.

Broad Sustainable Buildings è nota per i suoi sistemi di costruzione prefabbricati con i quali ha da sempre voluto innescare una rivoluzione.

Con questo sistema, la costruzione delle unità è notevolmente più veloce e la pianta dell’ospedale è ridisegnabile, il che significa che nuovi spazi possono essere sempre aggiunti, anche in seguito, in base a quelle che sono le esigenze.
Sono in molti a dire che il problema principale dei container è che, se vengono usati come stanze, non permettono davvero lo spazio di movimento.

In questo caso, le dimensioni del container di spedizione non sono un problema perché le «scatole» sono costruite appositamente per lo scopo, motivo per cui hanno un soffitto alto e le pareti si possono aprire in modo da poter raggiungere fino a 4,5 m all’interno.

A questo si aggiunge un interno dotato di un sistema di aria fresca BROAD a pressione negativa che può prevenire l’infezione crociata interna e l’inquinamento ambientale esterno.

Questo sistema «rivoluzionario» è sempre stato molto interessante, ma a causa del covid-19 è diventato anche molto importante.

Questo articolo è stato letto 21 volte.

broad sustainable buildings, coronavirus, ospedale prefabbricato, tempi record

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net