Piante artificiali per il controllo del clima

Condividi questo articolo:

Il progetto PLEASED, prevede di sviluppare delle cyber piante in grado di monitorare i cambiamenti climatici e l’inquinamento dell’ambiente

Utilizzare delle piante create artificialmente per monitorare i cambiamenti climatici e l’inquinamento dell’ambiente. Stiamo parlando del progetto europeo ‘PLEASED’ (Pleased, PLants Employed As SEnsing Devices) guidato dall’azienda italiana ‘Wlab’ e finanziato con fondi Ue per oltre un milione di euro.

Il progetto, con la collaborazione di ricercatori provenienti da Italia, Spagna e Regno Unito, prevede in particolare di sviluppare delle speciali ‘cyber piante‘ dotate di sensori integrati ed in grado di rilevare gli effetti dell’inquinamento e dei cambiamenti sul clima. L’obiettivo è quello di posizionare le piante artificiali vicino a quelle vere, in varie zone del mondo. In questo modo sarà possibile analizzare le informazioni provenienti dai sensori dei vegetali artificiali e compararli con le analisi chimiche fornite dalle piante naturali limitrofe, per avere una ‘panoramica’ dettagliata dell’ambiente circostante. Neelie Kroes, commissaria Ue per l’Agenda digitale, si è detta ‘orgogliosa per il sostegno che i fondi Ue stanno dando al lavoro di questi biologi e ingegneri informatici e allo sviluppo delle piccole imprese più innovative e ai centri di ricerca migliori d’Europa’. Per maggiori informazioni è possibile consultare questo sito.

(ml)

Questo articolo è stato letto 9 volte.

ambiente, clima, inquinamento, piante, progetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net