Flash News:
Post title marquee scroll
Coronavirus: ministro Boccia a Milano con 98 infermieri, vede Fontana-Milano: dal primo giugno riaprono piscine comunali, biglietti anche online-L'ematologo: "Con Coronavirus emersa importanza telemedicina ora Paese si attrezzi"-Fase 2: Meloni, 'nessun aperitivo perchè sono a dieta'-L'oncologo: "Car T ancora non accessibili a tutti i pazienti candidabili"-Fase 2: Sea, 15 giugno Easyjet torna a volare, importante per Malpensa-Raptopoulos (Sap Italia): "Tecnologia sempre più importante per business"-Lombardia: con emendamento Regione entra in cda Parco Agricolo Sud Milano (2)-Caos procure: Meloni, 'su intercettazioni Salvini timore reverenziale politica con magistrati'-Fase 2 Meloni, '4 luglio grande manifestazione'-Sardine: Santori, 'ora pausa riflessione, non è fine ma spartiacque' (2)-Open arms: Meloni, 'penso che Iv faccia ragionare maggioranza'-Sardine: Santori, 'qualcuno cerca di farmi scarpe, sono in minoranza'-Sardine: Santori, 'qualcuno cerca di farmi scarpe, sono in minoranza' (2)-Coronavirus: aeroporti francesi chiedono aiuti per pagare aziende vigilanza privata-**Sardine: Santori, 'ora pausa riflessione, non è fine ma spartiacque'**-Lombardia: approvato emendamento a sostegno inquilini case Aler-Valotta (Virgin Active): "Doveroso aspettare riapertura, adottato protocollo sicuro"-Fase 2: Valotta (Virgin Active), 'doveroso aspettare riapertura, adottato protocollo sicuro' (2)-Fase 2: Valotta (Virgin Active), 'doveroso aspettare riapertura, adottato protocollo sicuro' (3)

Le api native americane si stanno estinguendo

Condividi questo articolo:

Negli Stati Uniti, le api domestiche stanno contagiando le api native con un virus che gli apicoltori non riescono a gestire

Sebbene il loro ruolo di impollinatori contribuisca a sostenere con circa 4 miliardi di Dollari il sistema alimentare del paese, le api mellifere, dette anche api europee, non sono originarie degli Stati Uniti. Esse vengono utilizzate dagli apicoltori commerciali per le loro eccellenti qualità di produzione del miele e per la capacità di impollinare i raccolti, ma stanno affrontando la lotta con un virus – l’acaro Varroa – che può diffondersi ad altri impollinatori, come per esempio le api native americane. Si teme che questo problema possa causare la fine dell’agricoltura così come la conosciamo – in un certo senso, lo sta già facendo.

Quest’inverno, gli apicoltori hanno perso il 40% delle loro colonie (mettere il link a «Morte record di api», articolo presente in Giugno 1), una situazione davvero allarmante, che infatti è materia di studio per molti scienziati. Quello che però le api domestiche stanno (anche) facendo è che infettano i fiori con il «loro» virus che poi viene trasmesso anche alle specie native.

In un studio pubblicato su PLOS One si racconta che il virus è stato trovato nel 19% dei fiori presenti vicino agli apiari. E così, mentre le api domestiche vengono osservate e contate e tracciate, le popolazioni di api native si stanno infettando e scivolano verso l’estinzione senza che nessuno se ne curi – anche se sono diverse le api native che sono ufficialmente elencate come minacciate o a rischio di estinzione e molte quelle che non si vedono da anni e potrebbero essere già estinte.

Anche se non contribuiscono molto all’agricoltura commerciale, le api native sono una parte fondamentale degli ecosistemi e un importante impollinatore per molte colture. Speriamo che qualcuno inizi a prestargli attenzione.

Questo articolo è stato letto 7 volte.

America, api, impollinazione, virus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net