ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fase 2: Boccia, 'circolazione tra Regioni senza condizioni, giusto governatori rafforzino presidi'-2 giugno: Boccia, 'manifestazione centrodestra? Fa bene a democrazia'-Coronavirus: aumentano dimessi in Lombardia, stabili (166) terapie intensive-Fase 2: Boccia, 'affidiamoci a scienza, no teorie fai da te'-Fase 2: Boccia, 'felicità rivedere nostre città ripopolate'-Coronavirus: in provincia di Milano +45 casi, metà regione cresce a una cifra-2 giugno: Bernini, 'appello Mattarella condivisibile, altri no'-Fase 2: Boccia, 'Paese torna a vivere, domani ci si sposta tra Regioni'-Governo: domani Conte a rapporto Soer su ambiente in Ue e Italia-Fase 2: Pd a Patuanelli, 'su innovazione no a misure spot'-Sicilia: sette escursionisti soccorsi a Pizzo Manolfo-2 giugno: Candiani (Lega), ‘in piazza contro i soprusi provvedimenti legge del governo’-Usa: Milan aderisce a protesta social e chiede giustizia per Floyd-2 giugno: M5S, 'da centrodestra sfregio a Repubblica, offesi italiani'-Ponte Messina: Miccichè, 'Renzi e Franceschini lo vogliono? Sappiamo tutti che non si farà...'-Ponte Messina: Miccichè, 'Renzi e Franceschini lo vogliono? Sappiamo tutti che non si farà...' (2)-2 giugno: Gallera in piazza, 'vergognoso attacco a Lombardia e a sistema sanitario'-2 giugno: Mulé (Fi), 'bene appello Mattarella a unità, ma governo lo ignorerà'-2 giugno: Fico, 'ferite Codogno di tutti italiani, giusto ricordare oggi vittime'-2 Giugno: Fico, 'ripartenza da scuola e sanità, da lì ricostruiamo Paese'

Due anni dopo il sisma, anche oggi siamo tutti abruzzesi

Condividi questo articolo:

Questa notte 309 rintocchi delle campane del centro de L’Aquila hanno ricordato le vittime del sisma di due anni fa. La ferita ancora aperta del terremoto, di chi non ha ancora casa, del centro storico del capoluogo abruzzese ancora fantasma, ma anche le attività realizzate da non dimenticare

Alle 3,32 del 6 Aprile due anni fa lo sconvolgente sisma che ha distrutto l’Aquila causando 309 vittime. Un terremoto di magnitudo 6,3. 38 mila persone ancora oggi senza una casa, il centro storico dell’Aquila a pezzi in attesa di ricominciare, chissà quando, a rivivere. Una parte del lavoro, importante dirlo, è stato condotto con la massima urgenza dalle istituzioni. Ma la ferita ancora brucia, è ancora aperta. A due anni di distanza da quella terribile notte, possiamo dirci ancora tutti abruzzesi. (mg)

Questo articolo è stato letto 4 volte.

Abruzzo, l’aquila, magnitudo, sisma, terremoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net