ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Nasce Mudimed, primo Museo digitale su storia metodo scientifico-Pil: Banca Aletti, Italia +6% nel 2021 e +4,7% nel 2022-A Ecomondo 2021 le start up che trasformano la nostra vita-**Governo: Palazzo Chigi si rifa il look, nuove luci per illuminare facciata**-Manovra: FederlegnoArredo, su bonus edilizi serve prospettiva medio-lungo termine-Covid, Rasi: "Con formazione standardizzata e digitale si sarebbe sbagliato meno"-Forza Nuova: Camera approva due mozioni su scioglimento-Deejay morta: al via l'udienza preliminare, Pm 'Ha ucciso il figlio e si è ammazzata'/Adnkronos (2)-Deejay morta: al via l'udienza preliminare, Pm 'Ha ucciso il figlio e si è ammazzata'/Adnkronos (4)-Oncologia e nutrizione, nuovo documento per migliore gestione paziente-Doping: Nado Italia, positivo il cestista dell'Armani Milano Riccardo Moraschini-Asi: nel fine settimana si riunisce a Montesilvano, Barbaro 'confronto con la base'-Pallavolo: Fipav, 1' di silenzio su tutti i campi in memoria di Mahjabin Hakimi-L’oncologo: "Il 30-50% pazienti è malnutrito o a rischio malnutrizione"-Repower propone DINAclub, network di ricarica per e-bike-M5S: Conte, 'oggi ad assemblea gruppi, mio intervento in diretta streaming'-'Cose da non fare con il sangue', video dei theShow sull'emofilia-Il nutrizionista: "Per paziente oncologico malnutrito diagnosi tempestiva è fondamentale"-A 100 anni dalla scoperta dell'insulina, Novo Nordisk celebra la figura del diabetologo-A 100 anni dalla scoperta dell'insulina, Novo Nordisk celebra la figura del diabetologo

Uno scarafaggio indistruttibile

Condividi questo articolo:

In studio un robot delle dimensioni e della forma di uno scarafaggio, che non si rompe nemmeno se lo schiacci

Nonostante pesi meno di un decimo di grammo, un nuovo robot della University of California (UC Berkeley), può sopportare e resistere sotto il peso di una persona di 60 chilogrammi che lo calpesta, come se fosse un semplice insetto.
«La maggior parte dei robot in questa particolare piccola scala sono molto fragili. Se li calpesti, praticamente li distruggi», ha dichiarato Liwei Lin, professore di Ingegneria meccanica alla UC Berkeley e autore senior dello studio che descrive il robot. «Abbiamo scoperto che se ingrassiamo il nostro robot, continuerà ancora a funzionare».

Lo studio che descrive le peculiarità di questo robot è stato pubblicato sulla rivista Science Robotics e racconta come il team di scienziati ha costruito il suo robot scarafaggio a partire da un sottile foglio di fluoruro di polivinilidene, rivestito in un polimero elastico.
Quando i ricercatori inviano al robot una tensione elettrica oscillante attraverso un filo che gli sta attaccato sopra, il suo piccolo corpo si piega e si raddrizza, facendo sì che il robot faccia un movimento che somiglia al salto della rana e vada avanti sulla sua singola zampetta anteriore.

Oltre alla forma e alla sua capacità di resistenza, l’altra caratteristica che il robot ha ereditato dalla classe degli insetti a cui somiglia è la velocità: questo piccolo dispositivo, infatti, è estremamente veloce per le sue dimensioni – sfreccia con uno slancio di circa 20 lunghezze del corpo al secondo.

Questa combinazione di robustezza e velocità potrebbe rendere il minuscolo robot ideale per le missioni di ricerca e salvataggio – per esempio, dopo un terremoto potrebbe essere spedito in mezzo alla macerie alla ricerca delle persone da salvare.

Anche la società d’ingegneria britannica Rolls-Royce si è cimentata nello studio di micro-robot, in questo caso simili alle cimici, piccoli meccanici per poter riparare i sofisticati meccanismi degli aeromobili, come ci spiega in questo articolo Ecoseven.

 

Questo articolo è stato letto 20 volte.

esplorazione, ingegneria meccanica, microrobot, polimeri, polimero, robustezza, scarafaggi, scarafaggio, velocità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net