Italia degli innovatori. Il meglio dell’innovazione made in Italy in Cina

Condividi questo articolo:

Si avvicina la data d’apertura del Progetto “Italia degli Innovatori 2011 – 2012”, che vede la prima missione in programma in Cina dal 29 ottobre al 5 novembre 2011, in coincidenza con il Forum Sino-Italiano sull’Innovazione, con esponenti di Gocerno di entrambi i paesi

Si avvicina la data d’apertura del Progetto “Italia degli Innovatori 2011 – 2012”, che vede la prima missione in programma in Cina (a Shangai e Nanchino) dal 29 ottobre al 5 novembre 2011, in coincidenza con il Forum Sino-Italiano sull’Innovazione, alla presenza del Ministro Renato Brunetta e del Ministro Wan Gang.

Italia degli innovatori è la prestigiosa vetrina, promossa dalla Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che permette alle migliori aziende italiane impegnate sul fronte dell’innovazione di far conoscere in tutto il mondo i propri successi ed i propri prodotti.

L’iniziativa riprende la positiva esperienza dello scorso anno all’Expo di Shangai 2010, dove la delegazione italiana ha riscontrato un notevole successo ed è stata considerata la realtà con il migliore progetto sull’innovazione di tutta l’Esposizione Universale. A partire dalla fine del corrente anno e per tutto il 2012 l’esperienza sarà quindi replicata in diverse manifestazioni internazionali, iniziando proprio con la Cina, nuovamente.

Tra le aziende selezionate per l’edizione 2011 di Italia degli Innovatori, un’azienda della quale torniamo volentieri a parlare. Coniuga innovazione e ambiente, scienza ed operatività, ha attirato la nostra attenzione sulla sottaciuta criticità della cattiva qualità dell’aria e si sta distinguendo per i passi importanti, in crescendo, fatti negli ultimi mesi: Is TECH.

Si tratta della compagine che ha presentato al Forum PA il sistema APA – Abbattimento Polveri Atmosferiche (innovazione selezionata dall’Agenzia) unitamente al progetto d’implementazione di tale soluzione tecnologica innovativa sia negli ambiti industriali sia nelle aree urbane caratterizzati da elevati livelli d’inquinamento atmosferico. Di recente Is TECH ha stipulato un accordo di partenariato con la multinazionale Cisco, nell’ambito dell’Energy Wise Alliance.

APA è un concentrato di tecnologia in grado di abbattere di oltre il 90% la concentrazione di polveri sottili ed altri inquinanti pericolosi, risponde a logiche d’innovazione di prodotto e di processo integrato ed è applicabile con immediatezza diffusamente, grazie ad una straordinaria innovazione nella strategia d’applicazione per l’uso: l’implementazione distribuita, in base a scelte di disseminazione correlate alle concentrazioni d’inquinamento atmosferico di origine antropica che, come noto, si genera da sorgenti distribuite e mobili (mezzi di autotrazione, uso civile del riscaldamento, industria, ecc).

Si tratta, in pratica, di un sistema la cui applicazione si presenta realmente “sostenibile” (per costi, tempi di realizzazione, facilità di gestione, effetti sull’ambiente), intelligente (in grado di rilevare ed elaborare una grande quantità di dati tramite un’apposita rete di sensori ed uno specifico software), efficace ed efficiente (abbatte gli inquinanti, è modulare, zero rifiuti, zero emissioni), pienamente compatibile con i criteri di sviluppo (sostenibile) da sempre ricercati, sinora non trovati.

Come “innovatore” selezionato per il prestigioso evento “Italia degli innovatori 2011” Is TECH avrà modo di presentare APA e la correlata progettualità in numerose altre occasioni di portata internazionale, nei prossimi mesi, successivamente alla manifestazione cinese di autunno.

(Red)
 

Questo articolo è stato letto 9 volte.

apa, Cina, cisco, Is tech, Italia, italia innovatori, made in italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net