ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Natale, Osservatorio Sigep: in ripresa consumi dolci delle feste, +1,4% rispetto al 2022-Expo 2030, Rampino (Camcom Italo-Araba): "Vittoria Riad non sorprende, ora gran opportunità per aziende italiane"-Pacifico (Anief): "Ttutte le risorse di aumenti Ccnl su indennità vacanza contrattuale"-Fiere, Panama tra le novità di Artigiano in fiera 2023-bitCamp è il primo vero campus online che prepara gli sviluppatori del futuro con Corsi Java, Python, AI e Data Scientist-Startup: ecco Lookup, premia chi si disconnette da smartphone-Professione Giardiniere d’arte, in Emilia Romagna si forma una nuova figura con qualifica-Ue, 'Fondi europei ed European Project Management', il 2 dicembre presentazione del corso di alta formazione-Lavoro, Cfi: "L'esperienza italiana fa scuola, la legge Marcora protagonista in Europa"-Ey Italia nell' anno fiscale 2023 fatturato record a 1,1 miliardi (+20%)-Le eccellenze marchigiane in vetrina a Milano ad Artigiano in fiera-'Company for generation Z': ecco migliori aziende in Italia che investono su giovani talenti-Il mondo dei prodotti naturali del 'vivere bene' protagonisti ad Artigiano in fiera-Poste al primo posto a livello mondiale in ranking S&P Global settore assicurativo-Welfare, Caridi (Inps): "Chiave per sviluppo Siisl è interoperabilità, AI per trovare lavoro''-Natalità, Plasmon: "Da unico tavolo aziende istituzioni famiglie società nasce rete Adamo"-Natalità, De Palo: "E' un investimento, non un costo"-Natalità, Finazzo (Edenred): "Importante adottare piani welfare"-Federlegnoarredo, bene riciclo alta qualità legato alla materia e non più al prodotto-Engineering a 'Utility day 2023' con 'Energy community'

I resti un’antica esplosione cosmica

Condividi questo articolo:

Trovate in Antartide le polveri radioattive di una supernova che potrebbero dirci molto sulla nostra galassia

Milioni di anni fa una stella è esplosa in una supernova e le polveri radioattive di quell’evento sono arrivate sulla Terra: lo sappiamo perché sono state recentemente ritrovate sotto migliaia di chili di neve, dopo un massiccio sforzo di scavo da parte di un gruppo di ricercatori.

Gli scienziati che si sono occupati della scoperta sperano che lo studio della polvere rivelerà nuovi segreti sull’ambiente cosmico che circonda il nostro sistema solare, come ha detto a Gizmodo il ricercatore capo Dominik Koll. Studiando le conseguenze di un’antica esplosione cosmica, infatti, si ha la possibilità di comprendere meglio la storia del nostro pezzo di universo.

Dopo aver raccolto la neve che probabilmente conteneva i piccoli granelli di polvere spaziale, il team guidato da Koll ne ha fatto evaporare in laboratorio ben 500 Kg, quindi ha analizzato gli isotopi radioattivi trovati mediante una spettrometria di massa, secondo quanto raccontato in una ricerca pubblicata sulla rivista Physical Review Letters.

Lo stesso team di ricercatori aveva precedentemente dimostrato che una vicina supernova aveva depositato Ferro-60 nel sistema solare nel corso degli ultimi 1,5/3 milioni di anni – tra l’altro, è molto probabile che la Terra stia attualmente viaggiando i resti di quell’esplosione (un sospetto questo, che potrebbe aiutare gli scienziati a mappare meglio la composizione della Via Lattea).

Come dice l’abstract della ricerca: «La Terra è costantemente bombardata da polvere extraterrestre contenente informazioni preziose sui processi extraterrestri, come la formazione di strutture da esplosioni stellari o nucleosintesi», per questo motivo è una scoperta davvero importante questa fatta in Antartide.

Questo articolo è stato letto 25 volte.

antartide, polveri radioattive, Scoperta, supernova

Comments (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net