I bimbi impareranno a programmare con Project Bloks, parola di Google

Condividi questo articolo:

Il gigante del web vuole che i bambini familiarizzino subito con la programmazione

Google è al lavoro du Project Bloks, una piattaforma ‘aperta’ sviluppata in collaborazione con l’azienda di design Ideo. In sostanza si utilizzano dei blocchi fisici, simili a quelli delle lego, per rendere più ‘tangibile’ l’esperienza della programmazione ai bimbi che muovono i primi passi in questo settore.

Il sistema si divide in tre blocchi:

  • Brain Board: funge da processore e alimentatore per gli altri blocchi con l’aggiunta di un piccolo amplificatore;
  • Pucks: sono oggetti semplici che danno comandi come ‘accendi’, ‘ruota a destra o sinistra’;
  • Base Board: leggono le istruzioni e le trasmettono

Connettendo tutti questi elementi tra loro si può creare un algoritmo. Google si sta muovendo su questo fronte perché il tema della programmazione è molto sentito negli Stati Uniti. Lo stesso Barak Obama ha speso parole per sottolineare l’importanza dell’insegnamento del ‘coding’.

 

Questo articolo è stato letto 1 volte.

google, Project Bloks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net