La preziosa Via Lattea

La luminosità della galassia potrebbe esser spiegata dalla presenza di diamanti

I giochi di luce della Via Lattea, che da sempre ispirano e affascinano l'uomo, potrebbe provenire da enormi sciami di diamanti. Questa è la conclusione di un nuovo studio dedicato al flusso di microonde che circondano le stelle lontane.

Se poco tempo fa gli scienziati hanno spiegato l'alone bianco della galassia, oggi i ricercatori dell'Università di Cardiff hanno svelato che le microonde registrate nella Via Lattea potrebbero provenire da minuscoli cristalli di carbonio. Questi, noti come nanodiamanti, farebbero parte delle nuvole di polvere e gas che circondano le stelle appena formate.

L'anomala emissione di microonde (AME) è strata registrata, per la prima volta, durante la misurazione delle radiazioni nello spazio, alla fine del XXI secolo.

"Usando un metodo simile a Sherlock Holmes, eliminando quindi tutte le altre possibili cause, possiamo dire che i migliori candidati capaci di produrre questo bagliore sono i nanodiamanti presenti attorno a queste stelle appena formate", ha affermato la dott.ssa Jane Greaves dell'Università di Cardiff.

La luce proviene dall'energia rilasciata dalle nanoparticelle che ruotano rapidamente, frammenti di materia così piccoli da sfidare il rilevamento con i normali microscopi. Questa raccolta di polvere e gas si chiama disco protoplanetario ed è il luogo in cui i pianeti iniziano a formarsi.

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER