ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Fisco: governo apre a sindacati, si valuta decontribuzione lavoratori sotto 35mila euro-**Spazio: Ixpe pronto al decollo, il 9 lancio missione congiunta Asi-Nasa**-**Arte: è morto Lawrence Weiner, tra i fondatori della Conceptual Art** (2)-Fisco: fonti, 'governo valuta contributo solidarietà per redditi oltre 75mila euro'/Rpt-Quirinale: stupore per interpretazioni su ddl no rieleggibilità e semestre bianco-**Scuola: incontro informale governo-studenti, sottosegretaria Floridia 'oggi a Villa Borghese'**-Violenza su donne: Cdm approva ddl-Penny Market e Coripet insieme nel riciclo del Pet-Dentis (Coripet): "Riciclo Pet con Penny Market in linea con obiettivi Ue"-Pierdomenico (Penny Market): "Prosegue il nostro impegno sulla sostenibilità"-Imprese: Amaplast, ripresa a doppia cifra per macchine plastica e gomma-Imprese: Amaplast, ripresa a doppia cifra per macchine plastica e gomma (2)-Successo per 'Piantiamola di inquinare!' di Bper, tagliate 12 ton di CO2-**Corruzione: Montante, 'accessi abusivi li faceva fare Cicero, non io'**-Giornata internazionale delle persone con disabilità, Airbnb diventa sempre più accessibile-Manovra: Berlusconi, 'ok misure riduzione fiscale, impulso a crescita'-Corruzione: Montante, 'maggiore Gdf non mi chiese assunzione di un familiare'-Fisco: Tajani, 'contributo solidarietà? Se è patrimoniale non siamo d'accordo'-**Centrodestra: Tajani, 'voto segreto ieri in Senato? Fi non ha mai votato con sinistra'**-Quirinale: Prodi, 'io al Colle? Una sfida alla provvidenza'
caccia agli ufo

La caccia agli UFO non è mai finita

Condividi questo articolo:

caccia agli ufo

Alcuni documenti mostrano l’esistenza di un dipartimento di caccia agli UFO top-secret che si diceva essere stato chiuso quasi dieci anni fa

Il Dipartimento del ministero della Difesa degli Stati Uniti ha avuto, fino al 2012, un programma incaricato di dare la caccia agli Unidentified Flying Object, ovvero gli oggetti volanti non identificati più noti come UFO.

Si chiamava Unidentified Aerial Phenomenon Task Force (UAPTF) questo programma, o forse dovremmo dire “si chiama”, visto che stanno emergendo dei rapporti secondo i quali questo dipartimento avrebbe continuato a esistere in segreto negli ultimi otto anni.

Dopo le molte pressioni del Senato, è stato annunciato che i risultati delle indagini dell’UAPTF verranno rese note al pubblico entro i prossimi sei mesi.

A quanto pare, questo programma di caccia agli oggetti aerei presumibilmente non prodotti sulla Terra ha continuato il suo lavoro nascosto negli uffici dell’Intelligence Navale (ONI) e solo a giugno di quest’anno la sua esistenza è stata resa pubblica, grazie a un disegno di legge che cerca di regolamentare il modo in cui questa task force segue, organizza e rende le sue informazioni accessibili al pubblico più ampio.

Tra le disposizioni del disegno di legge vi è che la task force deve presentare un rapporto pubblico sulle proprie attività entro 180 giorni dalla firma del disegno di legge – i sei mesi di cui sopra, appunto.

Come racconta il New York Times, il precedente direttore del programma, Luis Elizondo, un ex funzionario dell’intelligence militare che si è dimesso nell’ottobre 2017 dopo 10 anni di lavoro nella task force, ha spiegato che l’UAPTF non dovrà più “nascondersi nell’ombra”, visto che “avrà una nuova trasparenza”.

ùIl signor Elizondo, così come altri ex funzionari governativi e scienziati, afferma che vari oggetti di cui non si conosce la provenienza si sono schiantati sulla Terra, anche se non ha mostrato alcuna prova fisica dei presunti incontri con la tecnologia extraterrestre.

Il Senato è più preoccupato che siano aerei nemici non identificati più che extraterrestri e che siano le innovazioni tecnologiche di avversari come la Cina, la Russia o l’Iran ad essere scambiate per UFO. Proprio per questo tutte le prove devono essere portate all’attenzione del governo.

 

Questo articolo è stato letto 38 volte.

alieni, dipartimento di caccia agli ufo, extraterrestri, oggetti non identificati, rivelazione dati secretati, ufo

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net