ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
A Bari la seconda edizione degli 'Stati generali dell'Export'-Gruppo Cap, utility strategiche per transizione energetica-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (2)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (3)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (4)-Finanza: Sandri (BlackRock), 'cigni neri sempre più bianchi, aziende sostenibili più attrezzate'/Adnkronos (5)-M5S: Bonafede, 'basta divisioni e polemiche'-Vescovo di Ozieri: "A Caritas né favori né atti indebiti, pronti a documentarlo"-Progetto Netwap, Comune di Campomarino acquista compostiera di comunità-**M5S: Corrao, 'congressi territori poi Stati generali, 12 novembre nuovi vertici'**-Fondirigenti, formazione spinge aumento produttività-Oncologo a medici, 'per aiutare a smettere di fumare slogan 'fallo o muori' non funziona'-Fumo, esperti: 'Innovare politiche di controllo con dispositivi a rischio ridotto'-Cdp: "Con Fondo Nazionale Turismo mobilitati fino a 2 mld"-Gorno Tempini (Cdp): "Turismo settore strategico con potenziale inespresso"-Turismo, nasce Fondo nazionale. Franceschini: "Guarda al futuro"-Dalla cattura di CO2 alle nuove batterie, le predizioni di Ibm-Covid, ecco perché virus colpisce uomini in forma più grave-Usa, forte calo consumo e-cig tra giovani

Congelare il «nervo della fame» per perdere peso

Condividi questo articolo:

Secondo un nuovo studio, si potrebbe lavorare sul nervo che trasmette il segnale della fame al cervello per gestire i problemi di obesità

Il nome proprio del cosiddetto «nervo della fame» è «tronco vagale posteriore» ed è parte del più grande nervo vago che è collegato con il cuore, i polmoni e il sistema digestivo. È su questo nervo che hanno lavorato i ricercatori per cercare un metodo innovativo per far perdere peso ai pazienti in difficoltà, visto che questo nervo è uno dei meccanismi che utilizza il nostro corpo per avvertire il cervello che lo stomaco è vuoto.

I risultati dello studio di fase 1 includevano 10 pazienti in sovrappeso, in età tra i 27 e i 66 anni. Durante la procedura, i ricercatori hanno inserito una sonda attraverso la schiena dei pazienti e, guidati da immagini in tempo reale ottenuti grazie a una scansione TC, hanno utilizzato il gas argon per congelare il nervo. L’obiettivo era quello di impedire che il segnale della fame arrivasse al cervello, in modo da far diminuire la quantità di cibo desiderata e mangiata.

I pazienti sono stati controllati 7, 45 e 90 giorni dopo la procedura e, ad ogni appuntamento, hanno dichiarato di avere un calo dell’appetito. Infatti, durante il follow-up, i pazienti hanno perso in media il 3,6% del loro peso corporeo e hanno avuto una diminuzione di circa il 14% dell’indice di massa corporea (BMI, una stima del grasso corporeo in base al peso e all’altezza).

Questi risultati hanno interessato gli scienziati davvero molto e, infatti, il loro obiettivo, adesso, è di testare l’efficacia a lungo termine di questa procedura che, per ora, è sconosciuta.
Lo studio, quindi, che è stato presentato alla Society for Interventional Radiology Conference dovrebbe passare presto alla fase 2.

Questo articolo è stato letto 22 volte.

dimagrimento, nervo vago, obesità, perdita di peso, peso, salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net