Flash News:
Post title marquee scroll
Pubblicità: Sassoli (Upa), ‘imprese reattive e creative di fronte a emergenza coronavirus’-Milano: oltre 500 furti, denunciati 5 dipendenti di Poste Italiane-Fase 2: Toti, 'vergognose parole Saviano, diffamata intera categoria'-Pubblicità: Sassoli (Upa), ‘fase di prognosi riservata, spero in rapida ripresa consumi’-Scuola: Fioramonti, 'passo avanti dopo ritardi ingiustificabili'-Fase 2: Sassoli (Upa), ‘favorire ripresa consumi, far arrivare soldi promessi’-**Scuola: Crimi, 'con concorso merito e competenza, no compromessi a ribasso'**-Smart Working anche nel settore legale con VGS Lawyers-Migranti: Gatti (Open Arms), 'con escamotage si fermano navi umanitarie e si bloccano i soccorsi'-Migranti: Gatti (Open Arms), 'con escamotage si fermano navi umanitarie e si bloccano i soccorsi' (2)-Fca, Cida: 'Prestito Sace è salvaguardia sistema produttivo'-Mater Olbia ospedale 'Covid free', oltre 150 interventi e 185 ricoveri-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini'-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (2)-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (3)-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini'-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (2)-Migranti: Open Arms, 'Giunta voti per autorizzazione a procedere per Salvini' (3)-Fase 2: Sala, 'app da sola non serve a niente, bisogna assumere tracciatori'-Potenza, al via riasfaltature dopo lavori per fibra ottica Open Fiber

Ci possono essere casi in cui l’obesità è positiva?

Condividi questo articolo:

Secondo un studio, nel caso di alcune infezioni, il sovrappeso potrebbe essere un vantaggio

Come è noto, l’obesità è una condizione che si porta dietro molti problemi di salute e che peggiora anche le altre malattie di cui si soffre; per questo è strano pensare che ci potrebbero essere dei casi in cui è positiva. Eppure, secondo un nuovo studio, se si è in ospedale affetti da una malattia infettiva, si ha la metà delle probabilità di morire se si è in sovrappeso o obesi.

Per arrivare a questa conclusione, gli scienziati del Dipartimento di Epidemiologia clinica dell’Ospedale universitario di Aarhus hanno raccolto dati su oltre 35.000 pazienti ospedalizzati per infezioni dal 2011 al 2015 e si sono chiesti se il peso influisse sul rischio di morire nei tre mesi successivi alla loro dimissione.

Lo studio (che è preliminare finché non sarà pubblicato su una rivista) ha scoperto che per i pazienti sottopeso il rischio di morire era due volte superiore rispetto ai pazienti di peso normale – una cosa che sembrava legata alla recente perdita di peso dovuta a qualche malattia di base, visto che il rischio di morte non aumentava per i pazienti sottopeso che non avevano perso peso recentemente. Ma la cosa più sorprendente che gli scienziati hanno scoperto è stata che i pazienti in sovrappeso avevano il 40% in meno di probabilità di morire rispetto ai pazienti con peso normale e i pazienti obesi addirittura il 50% in meno – inoltre, tra i pazienti obesi, un recente cambiamento di peso, il fumo o altre condizioni mediche avevano scarso effetto sul rischio di morire.

Questi risultati, presentati all’European Congress on Obesity del 2018, a Vienna, in Austria, hanno mostrato in sostanza che sovrappeso e obesità sono associati a una ridotta mortalità a 90 giorni dalle dimissioni per un ricovero per infezione. Tra l’altro, durante il meeting, altri tre studi hanno presentato risultati simili – uno riguardava casi di polmonite, uno infezioni del sangue, uno una condizione muscolare.

Ovviamente, è bene ricordare che l’obesità rimane legata a una serie di malattie mortali, tra cui diabete, malattie cardiache e persino alcuni tipi di cancro, ma a quanto pare potrebbe essere un beneficio in alcuni sparuti casi.

Questo articolo è stato letto 2 volte.

Infezioni, peso, peso corporeo, sovrappeso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net