B come benessere. Ecco come stare bene

Condividi questo articolo:

Impariamo a stare bene e ad accettare tutte le situazioni che la vita ci pone dinanzi

 

La scorsa settimana abbiamo introdotto il tema dell’ABCP dell’Ecologia Mentale.

Laddove la A ci invita ad Apprendere da ogni situazione, pensiero, parola, azione, oggi scopriamo il valore della B: Benessere.

Dopo che ci siamo chiesti cosa poter Apprendere, il passo successivo è chiederci come poter star Bene, anche con la situazione che stiamo vivendo.

Puntare al Benessere non vuol dire divertirsi, bere per dimenticare o andare in discoteca. Puntare al proprio Benessere vuol dire accettare ciò che dobbiamo accettare e cercare di star bene COMUNQUE. Che altro fare? Quanto il nostro star male contribuisce a cambiare la situazione o il problema? Personalmente non credo che contribuisca molto e, molto più probabilmente, contribuisce al nostro malessere e a peggiorare la situazione.

A questo punto, la cosa migliore che possiamo fare dopo aver Appreso la lezione, è cercare di star bene emotivamente. Comunque.

L’accettazione è diversa dalla rassegnazione. Chi si rassegna è sconfitto dalla vita. Chi accetta è vittorioso su se stesso.

Quante persone conosciamo che con situazioni difficili riescono a star bene comunque? Conosco persone non vedenti che praticano sport almeno 4 volte a settimana, che hanno una vita sociale ricca e che accettando il loro “limite” non si limitano.  E poi conosco persone che non escono di casa se hanno un brufolo. Scelte.

Come possiamo star BENE comunque? Questa domanda è il secondo passo del nostro ABCP.

 

Buon Benessere!

PierCarlo Romeo
Life and Business coach

Questo articolo è stato letto 9 volte.

benessere, ecologia mentale, emotivamente, stare bene emotivamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net