Ecoinvenzioni: la bici che produce energia per fare il bucato

Condividi questo articolo:

La bici Cyclean e’ uno speciale elettrodomestico per lavare i panni che integra in un unico sistema una cyclette e una lavatrice

La bici che produce energia per fare il bucato, è l’originale soluzione proposta per tagliare i consumi dell’elettricità e rispettare l’ambiente. Si tratta, in pratica, di uno speciale elettrodomestico per lavare i panni che integra in un unico sistema una cyclette e una lavatrice.

La nuova bici, denominata ‘Cyclean’ e realizzata dal designer inglese Alex Gadsen con la supervisione dell’azienda cinese hi-tech ‘Haier’, produce in particolare energia per caricare a pedali la batteria che alimenta la lavatrice integrata nel sistema.

La bici ‘Cyclean’, impiega inoltre solo 20 minuti di lavoro per lavare un carico di vestiti con acqua fredda. E proprio sul consumo d’acqua, questo nuovo elettrodomestico, mostrerebbe (a detta del costruttore) i suoi vantaggi migliori: con appena 20 litri, neppure la metà di quanto impiegherebbe per la stessa operazione la lavatrice più virtuosa sul mercato, si effettua un normale lavaggio dei vestiti. L’inventore ha anche pensato all’eventualità di servirsi dell’acqua calda, in attesa dell’applicazione di pannelli fotovoltaici sulla geniale macchina da bucato.

La bici ‘Cyclean’, attualmente, è soltanto un prototipo, in attesa che la ‘Haier’ si decida ad immetterla sul mercato. Per il momento però, la lavatrice rappresenta uno splendido tentativo di coniugare l’amore per l’ambiente con quello per il fitness e le due ruote: oltre a garantire indubbio divertimento e allenamento, ‘Cyclean’ permette di ottenere un bucato immacolato.

(Matteo Ludovisi)

Questo articolo è stato letto 5 volte.

acqua, bici, bucato, energia, lavatrice, panni, vestiti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net