ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll

Ecoinvenzioni: il naso elettronico che fiuta l’inquinamento in citta’

Condividi questo articolo:

Il naso elettronico Monica, realizzato dal Centro di Ricerche ENEA di Portici, e’ l’interessante soluzione proposta per misurare in prima persona i livelli di smog nelle nostre citta’

Il naso elettronico che fiuta l’inquinamento è l’interessante soluzione proposta per misurare in prima persona i livelli di smog nelle nostre città. Si tratta, in pratica, di un dispositivo portatile che rileva le tracce di agenti inquinanti mentre si è in giro in città ed individua delle strade alternative da percorrere per diminuire l’esposizione agli inquinanti.

Il nuovo naso elettronico, denominato ‘Monica’ e realizzato dai laboratori del Centro di Ricerche ENEA di Portici (NA), consiste in particolare, in un sistema multisensoriale portatile, leggero e a basso costo, basato su ‘paradigmi open source’, ossia sulla capacità di elaborare le informazioni sull’inquinamento provenienti dalle centraline di monitoraggio installate in città. I dati rilevati da ‘Monica’, verranno poi comunicati all’utente grazie ad un’apposita app, precedentemente installata sul cellulare, in grado di interagire con le informazioni elaborate dal naso elettronico.

Il naso elettronico ‘Monica’ inoltre, può essere facilmente montato su uno zaino o collegato al manubrio della bicicletta, in modo da rendere il cittadino più consapevole e partecipativo al problema del monitoraggio della qualità dell’aria in città, nonché dell’esposizione personale agli agenti inquinanti respirati durante una pedalata o una passeggiata. Un approccio, questo, che secondo il comunicato stampa diffuso dall’ENEA favorirà dei comportamenti virtuosi da parte del cittadino volti a favorire una mobilità più sostenibile.

Il naso elettronico ‘Monica’, per ora, è soltanto un prototipo che è stato sviluppato nell’ambito del Sistema integrato di Monitoraggio Ambientale denominato ‘Simona’ e parzialmente finanziato dal programma ‘POR-Campania’. Nelle successive fasi di test in laboratorio, il sensore verrà quindi sottoposto ad un processo di calibrazione e validazione per aumentare la precisione delle sue misurazioni.

(Matteo Ludovisi)

Questo articolo è stato letto 4 volte.

città, elettronico, inquinamento, naso, naso elettronico, smog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net