ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Sport: Innocenti (Fir), 'ritorno spettatori anche per rugby sarebbe bel passo avanti'-Covid: Fontana, 'numeri economici Lombardia migliori di quanto si potesse temere'-Riaperture, Galli: "Rischio calcolato? Calcolato male"-Omofobia: da Loredana Bertè a Malika Ayane, artisti in campo per Ddl Zan-Riaperture, Galli: "Rischio calcolato? Calcolato male"-Covid: Fontana, 'messi a disposizione 4 mld di investimenti per ripartire'-Covid: Fontana, 'vaccinazione sta andando bene, inizio in difficoltà ma siamo ripartiti'-Covid: Fontana, 'su riaperture governo ha posto al centro gradualità e buonsenso'-Covid: Fontana, 'caso Lombardia? Siamo stati i primi investiti da tsunami imprevisto'-Spettacolo: Carbonaro (M5s), 'ok Cts ottima notizia, ora rafforzare diritti lavoratori'-Sport: Tecchi (Fgi), 'spettatori dal 1 maggio sarebbe passo avanti e riconoscimento'-Milano: Lega, 'in moschea viale Jenner abusi e assembramenti'. Elgharabawi, 'falso e grave'-Milano: Lega, 'in moschea viale Jenner abusi e assembramenti'. Elgharabawi, 'falso e grave' (2)-Sport: Binaghi, '1000 spettatori dal 1 maggio? Sarebbe ottima notizia'-Tennis: Atp Montecarlo, Nadal ko e Rublev in semifinale-Riapertura ristoranti al chiuso dal 1 giugno, solo a pranzo-Spostamenti tra regioni ed eventi, ipotesi pass-Covid: Letta, ‘giornata importante, fiducia e ottimismo al momento giusto’-Recovery: Pd, ‘a Draghi su Pnrr chiesta attenzione particolare a giovani, donne e sud’-Covid: calendario riaperture, pass e decreto per nuove misure
opere d'arte

Anche la spazzatura può diventare un’opera d’arte

Condividi questo articolo:

opere d'arte

Un’artista prende i rifiuti di carta e li trasforma in opere d’arte

La designer londinese Jacqueline de la Fuente è l’artista che si trova dietro De La Jardin, un marchio che offre vasi decorativi realizzati con un materiale abbastanza unico: un misto di cartone e argilla proveniente dagli scarti della carta.

A partire dalla spazzatura di alcuni locali ma anche da quella della sua stessa casa – dai cartoni delle uova agli scarti degli imballaggi – de la Fuente ha inventato la ricetta di quest’argilla da sola, prendendo spunto dalla cartapesta.

Il processo inizia con la raccolta dei rifiuti che vengono sminuzzati a mano e messi a bagno in acqua prima di essere ridotti in poltiglia.

Il risultato è un’argilla malleabile molto simile all’argilla ceramica.

“I vasi di argilla di carta sono nati organicamente attraverso la mia leggera ossessione per le sagome, la forma e il mio amore per sculture e vasi”, scrive de la Fuente sul suo sito. “Per quanto volessi lavorare con ceramica e argilla, avere accesso a uno studio con un bambino di 3 anni al seguito non era un’opzione. È così che ho deciso di guardare a come avrei potuto creare oggetti e vasi da casa mia”.

Sempre attenta ai rifiuti, l’artista ha spiegato che l’idea di trovare un modo per incorporare il riciclaggio in questo progetto le è venuta naturalmente.

I vasi sono scolpiti lentamente a mano, con tracce di impronte digitali e curve naturali, per creare pezzi tattili e unici.

Alcuni vengono lasciati nella loro finitura naturale, mentre altri sono dipinti a mano utilizzando vernici a base d’acqua ecocompatibili. I vasi non trattengono l’acqua come un vaso tradizionale, per questo la de la Fuente suggerisce di riempirli con fiori – per risparmiare acqua.

Ogni pezzo unico è realizzato su ordinazione in una o due settimane e viene spedito dal Regno Unito.

De La Jardin presenta anche disegni originali fatti a mano su carta di cotone riciclata a fibra lunga che l’artista crea “organicamente” con fili sottili. Offre anche la sua arte in stampe giclée di qualità da su carta realizzata con fibre di bambù e cotone.

 

Questo articolo è stato letto 35 volte.

arte del riciclo, arte e rifiuti, carta riciclata che diventa arte, opere d'arte, rifiuti che diventano arte, rifiuti di carta, vasi

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net