ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Gaza, "Usa chiedono a mediatori pressioni su Hamas per via libera a piano Biden"-Autonomia, su referendum tutte le opposizioni unite: pronti alla raccolta firme-Napoli, incendio sulla collina dei Camaldoli: fiamme lambiscono case-Fiori, bimbi e palloncini: la festa di Kim per Putin come un vecchio film sovietico-Grecia, incendi in tutto il Paese: dichiarato stato di massima allerta-M5S, monta l'insofferenza verso Grillo: "Beppe ci ha stufato"-Euro 2024, Germania-Ungheria 2-0: gol di Musiala e Gundogan-Maturità, il tema dei politici: Giorgetti per la 'guerra fredda', Ciriani e Zangrillo su Ungaretti-Europei scherma 2024, Errigo oro nel fioretto-Mobilità, Di Loreto (Bain&Company): "Oltre 70% spostamenti italiani si effettua in auto"-Mobilità, Vavassori (Anfia): "A due settimane da uscita incentivi, tiraggio molto buono"-Il trapper Shiva a processo: "In carcere compreso errori, voglio solo fare musica"-M5S, post Grillo scuote parlamentari. Baldino: "Non si torni indietro di 15 anni"-Mobilità, Ficili (Stellantis Italy): "Bene incentivi, governo sostenga transizione"-Mobilità, Viano (Aniasa): "Cambiata rotta su incentivi e tornato 100% noleggio"-Consulenti del lavoro: da consigli provinciali piena fiducia in operato Cno-Maturità, le voci contro nel primo giorno d'esame: "Le criticità di sempre"-Putin pilota e Kim navigatore, la coppia nella supercar - Video-Ermal Meta diventa papà, è nata la figlia Fortuna: "Il mio cuore non è mai stato così grande"-Il virologo Anthony Fauci: "Ancora penso che qualcuno possa uccidermi"

Piante di luce

Condividi questo articolo:

Gli ingegneri del MIT rivelano delle piante viventi capaci di brillare e fare una tenue luce per almeno 4 ore

Piante vive che si accendono come luci: potrebbe sembrare assurdo, fantascientifico, eppure una squadra di ricercatori del MIT lo ha fatto. Il team ha coltivato un raccolto di crescione che è capace di emettere una luce fioca per quasi quattro ore. Seon-Yeong Kwak, ricercatore post-dottorato, ha guidato un team di ingegneri e scienziati nell’instillare nelle piante lo stesso enzima che fa brillare le lucciole.

Il professore di ingegneria chimica del MIT, Michael Strano, ha dichiarato: «L’obiettivo è quello di realizzare una pianta che funzioni come una lampada da scrivania, una lampada che non è necessario collegare alla corrente. La luce viene alimentata dal metabolismo energetico della pianta stessa».
Lampade vegetali o addirittura lampioni ad albero potrebbero illuminare il nostro mondo, in futuro, grazie a ricerche come queste.

La luciferasi – ovvero l’enzima che fa brillare le lucciole – agisce sulle molecole luciferine per emettere luce: il team ha inserito queste componenti in trasportatori di nanoparticelle per portarle nella parte giusta delle pianta. Gli scienziati hanno dimostrato che possono anche far spegnere la luce aggiungendo nanoparticelle con un inibitore della luciferasi: infatti, il loro obiettivo finale è quello di creare piante che smettono di emettere luce in risposta a determinate condizioni – come la luce solare, per esempio.

Esperimenti condotti in passato per creare piante di questo genere hanno fatto uso dell’ingegneria genetica per inserire il gene della luciferasi, secondo il MIT, ma è un processo che richiede molto lavoro per avere una luce molto debole e spesso è limitato a un solo tipo di pianta.

Il nuovo processo ideato dal MIT, invece, può funzionare su qualsiasi tipo di pianta – finora gli scienziati lo hanno fatto con il crescione, il cavolo, la rucola e gli spinaci – e il team, inoltre, spera di arrivare ad essere in grado di spruzzare o dipingere le nanoparticelle sulle foglie in futuro, così gli alberi o le grandi piante potrebbero fungere da fonti di luce.
Lo studio è stato pubblicato sulla rivista «Nano Letters».

Questo articolo è stato letto 39 volte.

lucciole, luce, Luciferine, piante

Comments (8)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net