ULTIMA ORA:
Post title marquee scroll
Energia: Cingolani, 'l'inverno è coperto, se non ci sono eventi catastrofici'-**Ucraina: Cingolani, 'Razov convocato su sabotaggi Nord stream**-Energia: Cingolani, 'Italia segue linea definita, Meloni informata degli sviluppi'-Pd: Prestipino, 'generali fuggiti verso posto sicuro, lo ammettano per onestà'-Energia: Cingolani, 'su tetto avanti passo per passo, che ci voglia un anno non mi meraviglia'-Energia: Cingolani, 'benefici su costo bollette con nuove regole e disaccoppiamento'-Lazio-Spezia 4-0, doppietta di Milinkovic-**FdI: Rula Jebreal, 'dopo minaccia querela Meloni, dai media assalto razzista e misogino'**-**Calcio: Bruno Giordano, 'polemiche curva Maestrelli? Sciocche, ci andava anche la Lazio'**-Ucraina, appello del Papa: "Putin si fermi, Zelensky apra a negoziato"-**Calcio: Massimo Maestrelli, 'sacrilegio curva Sud dedicata a mio padre? A lui piaceva sfottò'**-MotoGp Thailandia, vince Oliveira: Quartararo 17esimo-Ucraina, Kiev: "Da inizio guerra uccisi oltre 60mila soldati Russia"-Gp Singapore, da Pirelli a Brembo all'Ambasciata d'Italia le aziende motorsport-Accuse incrociate genitori-figli, intera famiglia rischia processo per maltrattamenti-Cosenza, uccide compagna a colpi di pistola e si suicida-Brasile al voto oggi, la sfida tra Bolsonaro e Lula-Governo, Follini: "Meloni metta subito carte in tavola e si dia 'agenda'"-Energia: Confesercenti-Swg, il 36% Pmi prevede di aumentare i prezzi nei prossimi mesi-Indonesia, scontri allo stadio dopo partita calcio: 174 morti

Obiettivo: eliminazione dei pesticidi

Condividi questo articolo:

La Ace Hardware sta facendo sempre più sforzi per eliminare i prodotti che risultano tossici per le api

La più grande cooperativa americana di vendita al dettaglio di prodotti di sua proprietà, la Ace Hardware, sta diventando sempre più amica delle api, visto che ha deciso di eliminare gradualmente tutto ciò che, all’interno del suo inventario, è associato ai pesticidi neonicotinoidi – che sono notoriamente tossici per le api. La mossa di Ace Hardware per prendere le distanze dai neonici (vengono chiamati anche così, più in breve) è un passo avanti verso la promozione di una migliore salute della popolazione impollinatrice.

I pesticidi neonicotinoidi funzionano come un insetticida, interrompendo la trasmissione neurale: l’interruzione della normale attività del sistema nervoso centrale di un insetto avviene quando i neonicotinoidi si legano ai recettori del neurotrasmettitore acetilcolina. In tal modo, i neuroni degli insetti sono influenzati negativamente dall’eccitazione eccessiva, fino al punto di paralisi. L’esposizione ripetuta aumenta la vulnerabilità e la tossicità neuronale in modo da distruggere il neurone dell’insetto.

Sfortunatamente, le api hanno un numero maggiore di recettori dell’acetilcolina rispetto ad altri insetti, per questo hanno una maggiore suscettibilità ai neonicotinoidi. Inoltre, le api hanno meno geni per la disintossicazione, quindi non sono in grado di disintossicarsi dalle sostanze chimiche dannose, come invece riescono a fare altri insetti.

Gli studi rivelano che i neonici si accumulano nelle singole api, causando difetti negativi nella memoria, nel volo, nella coordinazione, nelle capacità di comunicazione e nell’efficacia della raccolta del polline. Di conseguenza, le api esposte a polline e nettare contaminati li riportano al nido. Ciò espone la colonia a ulteriori rischi.

Per questo è molto importante la decisione di Ace Hardware, a cui si spera facciano eco anche gli altri rivenditori e produttori di generi alimentari, macchinari, oggetti e strumenti di ogni tipo.

 

Questo articolo è stato letto 14 volte.

Ace Hardware, alveari, api, contaminazione, contaminazione alveare, disintossicazione, insetticida, neonicotinoidi, neurosviluppo, pesticidi, polline, recettori

Comments (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net