Uomo invade Antartide. Habitat dei pinguini in pericolo

Condividi questo articolo:

Troppi turisti e troppe strutture di ricerca: l’Antartide sta per essere umanizzato e l’habitat dei pinguini e’ in pericolo

 

L’Antartide e le sue aree libere dai ghiacci hanno bisogno di una migliore protezione dalle attività umane: negli ultimi anni il numero dei turisti è cresciuto in maniera esponenziale e sono aumentate anche le strutture di ricerca. A dirlo è uno studio australiano, condotto dal National Environmental Research Program (Nerp) e pubblicato sulla rivista PLoS Biology.

Se nel 1990, infatti, i visitatori erano meno di 5000, ora sono più di 40 mila l’anno. Non solo. La regione accoglie sempre più centri di ricerca, accompagnati da strade, depositi di carburante e altre vie di passaggio. ‘La maggior parte dell’Antartide è coperta di ghiaccio, con meno dell’1% permanentemente libero da ghiacci, eppure è lì che si trova la maggioranza della biodiversità’, scrive la coautrice dello studio, Justine Shaw.

‘L’Antartide è già invasa da piante e animali, per lo più erbe e insetti, di altri continenti. Le minacce reali di invasioni, correnti e future sono tipicamente situate vicino alle aree protette’, avverte Shaw. ‘Tali minacce da specie invasive alle aree protette sono state dimostrate altrove nel mondo, e abbiamo accertato che l’Antartide, purtroppo, non fa eccezione. I rischi sono accresciuti dalla combinazione con il cambiamento climatico. Questo effetto combinato deve essere un incentivo ancora maggiore per un migliore sistema di protezione delle aree antartiche’, conclude.

gc

Questo articolo è stato letto 164 volte.

antartide, carburante, ghiacci, ghiacciaia, uomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010.redazione@ecoseven.net